Reggio, l’Associazione Basta Vittime Sulla Strada Statale 106: “soddisfatti per l’Osservatorio provinciale per la sicurezza stradale in provincia”

autostrada ss106Si è svolta lo scorso venerdì 10 luglio, presso la Prefettura di Reggio Calabria, l’importante riunione che ha sancito la nascita dell’Osservatorio provinciale sulla sicurezza stradale, fortemente voluta dal Prefetto Claudio Sammartino nell’ambito della Conferenza Provinciale Permanente, con l’obiettivo di effettuare un monitoraggio dei sinistri stradali e di avviare una connessa attività di analisi e di approfondimento delle principali cause degli stessi, al fine di  indirizzare prioritariamente le iniziative degli Enti proprietari delle strade, anche con l’ausilio della georeferenziazione degli incidenti nell’ambito provinciale. Lo afferma in una nota l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106″c.

In una prospettiva di governance finalizzata ad incrementare i livelli di sicurezza stradale e ad incentivare il rispetto delle norme che regolano la circolazione veicolare, l’aggiornamento costante di una mappa degli incidenti stradali costituisce, infatti, un importante  strumento conoscitivo per orientare in maniera mirata i servizi di prevenzione delle Forze dell’Ordine e. nel contempo, utile indicatore per gli interventi, soprattutto di carattere manutentivo e di miglioramento del tracciato e della segnaletica, da realizzare sulle arterie maggiormente “a rischio”.

Alla riunione sono intervenuti, su invito, i Rappresentanti dell’Associazione di “Basta vittime sulla S.S. 106″ che attraverso il presidente Ing. Fabio Pugliese hanno voluto ringraziare ed evidenziare il grande lavoro svolto in termini di prevenzione dei sinistri dalle Forze dell’Ordine sulla famigerata “strada della morte” nel tratto reggino e poi hanno consegnato al verbale della riunione un documento molto importante.

Nel documento, infatti, la Nostra Associazione ha evidenziato una serie di punti critici segnalati dai cittadini nel tratto reggino tra i quali spiccano: il bivio di Pilati (accesso pericoloso S.S.106 di Melito di Porto Salvo); il casolare di Capo Spartivento (casolare pericolante); la necessità di una rotatoria a Saline Joniche lato Sud; la manutenzione tra Lazzaro e Bova Marina; la rotatoria sulla curva della “Coca Cola”; la rotatoria in entrata a Pellaro Lume lato monte; l’illuminazione galleria Ponte Sacco a Bovalino; la messa in sicurezza della parete rocciosa a Bianco per evitare caduta massi.

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” nel confermare la massima disponibilità a voler collaborare per il raggiungimento degli obiettivi fissati ringrazia il Signor Prefetto di Reggio Calabria Claudio Sammartino per l’attenzione che ha voluto riservare alla sicurezza stradale, anche mediante il coinvolgimento diretto della società civile e ribadisce l’esigenza che siano costantemente monitorate le cause che incidono sulla sinistrosità nell’obiettivo di sensibilizzare gli Enti proprietari delle strade ad avviare incisivi interventi, anche strutturali così come è fondamentale incentivare i cittadini automobilisti al rispetto assoluto del codice della strada soprattutto sulla tristemente nota “strada della morte”.