Reggio: incuria e degrado a Catona [FOTO]

Caracciolo: “raccolte diverse segnalazioni di cittadini di Catona che lamentano l’incuria del territorio e la totale mancanza di risposte da parte dell’Amministrazione e dei vigili urbani”

Catona (1)“In queste settimane abbiamo raccolto diverse segnalazioni di cittadini di Catona che lamentano l’incuria del territorio e la totale mancanza di risposte da parte dell’Amministrazione e dei vigili urbani. Valga come esempio la condizione di via Casalotto, giá teatro, negli scorsi anni, di periodici allagamenti che puntualmente si verificano con le prime pioggie e che hanno provocato danni anche alle abitazioni private. Ció si deve alla pluriennale, mancata manutenzione dei condotti delle acque bianche, le cui griglie appaiono intasate di terra fino al livello stradale e che sono la testimonianza della completa mancanza di manutenzione per la quale i cittadini, da anni, come per altri settori, continuano a pagare cifre sempre piú esose in assenza di servizi. Nonostante Reggio Calabria abbia una nuova amministrazione comunale, dopo gli anni dello sfascio scopellitiano e il lungo commissariamento, gli abitanti della periferia continuano a dovere subire il medesimo abbandono sperimentato nell’ultimo decennio” afferma in una nota Giuseppe Caracciolo per l’associazione “la Cosa Pubblica“. “Chiediamo, pertanto, all’Amministrazione comunale di intervenire con la massima urgenza per rendere immediatamente funzionali tali condotti ed evitare cos¡ ulteriori disagi ai cittadini e danni economici alla comunitá. Non vorremmo -prosegue la nota- che alle prossime pioggie, come di consueto, quelle strade si trasformino in torrenti, con il conseguente danneggiamento di auto e di abitazioni poste sul piano stradale, con l’isolamento della popolazione che giá in condizioni normali si trova a dover percorrere strade colabrodo quando viaggia in auto o marciapiedi fatiscenti  quando si avventura a spostarsi a piedi, sempre che non sia impedita nel farlo da ostacoli di ogni genere : erbacce, buche, segnali stradali semi divelti e mai riparati o sostituiti, nonostante le segnalazioni ai vigili urbani da parte di cittatini sempre meno tutelati e sempre piú vessati da una tassazione locale insostenibile”, conclude la nota.