Reggio: incontro del direttore marittimo con i rappresentanti di Palazzo San Giorgio

E’ stata affrontata la problematica della carenza di strutture dedicate al diporto nautico ed alla necessità di rivedere le previsioni del piano comunale di spiaggia per ampliare le aree destinate all’ormeggio dei natanti

DSC_0338Presso la sede della Capitaneria di porto si è svolto in data 10 luglio scorso, un incontro tra il Direttore marittimo della Calabria e Basilicata Capitano di Vascello Andrea Agostinelli, il Vicesindaco della città di Reggio Calabria Saverio Anghelone, l’Assessore all’Ambiente Antonino Zimbalatti, la dott.sa Carmela Stracuzza, dirigente del settore politiche ambientali e culturali del Comune, nel quale sono state discusse tematiche di comune interesse riguardanti la gestione della fascia costiera ed all’utilizzo degli arenili nel periodo estivo. In particolare è stata affrontata la problematica della carenza di strutture dedicate al diporto nautico ed alla necessità di rivedere le previsioni del piano comunale di spiaggia per ampliare le aree destinate all’ormeggio dei natanti. Quanto sopra, anche in relazione alle numerose boe abusive accertate e sequestrate dalla Capitaneria di porto durante l’attività di vigilanza in mare. Il Comandante Agostinelli ha espresso apprezzamento per l’attività di pulizia delle spiagge avviata, seppur da poche settimane, nel litorale nord del Comune e che ha restituito ai bagnanti di quel tratto di litorale, spiagge decorose ed igienicamente sicure. Un’attività che necessita sia effettuata in tutto il litorale costiero e soprattutto nei tratti spiaggia libere maggiormente frequentati dai bagnanti.  In merito l’Assessore Zimbalatti ha garantito  che i lavori proseguiranno nei prossimi giorni ed interesseranno tutto il litorale costiero reggino. La Capitaneria di porto ha assicurato la più ampia forma di collaborazione con l’ufficio Demanio del Comune di Reggio Calabria, nella trattazione delle problematiche di maggiore rilievo che interessano il litorale demaniale marittimo del Comune, nel rispetto delle specifiche attribuzioni.