Reggio: in commissione approvate le aliquote Imu, Tari, Irpef. Domani consiglio comunale

Reggio, deliberati i regolamenti e le aliquote che domani 30 luglio dovranno essere discusse in Consiglio Comunale per la definitiva approvazione

palazzo_san_giorgioOggi pomeriggio si sono conclusi i due giorni dei lavori delle Commissioni congiunte Bilancio e Statuto, presiedute dal consigliere anziano f.f. Rocco Albanese, che hanno trattato le delibere relative ai regolamenti e alle aliquote che domani 30 luglio dovranno essere discusse in Consiglio Comunale per la definitiva approvazione.

Dette delibere riguardano :
- Modifiche al regolamento IMU
- Determinazione aliquote IMU per l’anno 2015
- Modifiche al regolamento TARI
- Approvazione piano economico e finanziario e tariffe TARI anno 2015
- Modifiche al regolamento del servizio idrico integrato
- Determinazione approvazione aliquota addizionale comunale irpef

Il presidente Rocco Albanese stigmatizza “la complessità degli argomenti trattati e nel ringraziare il collega Demetrio Martino, l’assessore al bilancio Avv. Armando Neri, il dirigente Demetrio Barreca e la Dott.ssa Mariella Morabito, responsabile IMU del Comune, trova doveroso estendere il suo plauso ai membri tutti delle due commissioni e alla minoranza che ha partecipato al dibattito arricchendolo con concreto senso di collaborazione”. L’assessore al bilancio Avv. Neri “ha sapientemente relazionato sulle delibere che saranno proposte al Consiglio Comunale e ai molti quesiti che venivano posti dai componenti le commissioni, quesiti cui rispondevano anche e soprattutto i dirigenti Avv. Demetrio Barreca e la Dott.ssa Mariella Morabito – prosegue- in specie per quanto riguardano quelle agevolazioni che erano state escluse dalla terna commissariale nel loro insediamento alla guida della città nell’ottobre 2012. In particolare viene concessa l’aliquota agevolata del 6 per mille, anziché del 10,60, al genitore che, con comodato gratuito e registrato, consenta al proprio figlio, e viceversa, l’uso di un appartamento da adibire a propria residenza anagrafica; parimenti al 6 per mille saranno tassati gli immobili locati ai sensi dell’art. 2, comma 3, e dell’art. 5 commi 2 e 3, della legge 431/98, in pratica appartamenti affittati a canone convenzionale secondo i parametri indicati nell’Accordo territoriale decentrato per il Comune di Reggio Calabria che, si ricorda, è Comune ad alta tensione abitativa. Dunque pienamente rispettato l’impegno che l’Assessore Avv. Armando Neri aveva assunto -aggiunge-  con le organizzazioni sindacali dell’ UPPI, della Confedilizia, dell’ Ania, del Conia, del Sicet, del Sunia allorchè il 6 maggio u.s. durante la conferenza stampa, nel corso della quale furono esposti i contenuti dell’Accordo e le ricadute in termini di agevolazioni fiscali, le stesse organizzazioni avevano chiesto all’unisono il ripristino dell’aliquota agevolata a favore degli immobili locati a canone agevolato proprio per calmierare il mercato degli affitti e ridurre la tensione sociale a seguito dell’elevato numero di sfratti registrato nella nostra città. Altra particolare attenzione è stata rivolta al regolamento per il servizio idrico soprattutto nel rivisitare la tabella costi e diritti fissi del servizio. Infatti viene ridotto da € 80,00 ad € 50,00 la spesa per primo allacciamento o di voltura e viene eliminato il costo, odioso, di € 50,00 per lo spostamento del contatore o per la verifica del contatore. Purtroppo la copertura dei costi al 100%, imposta a livello nazionale, non consentirà quest’anno la diminuzione delle tariffe che, comunque, saranno riviste in occasione dell’ingresso di Acciona spa nella gestione del sevizio acquedotto. Infine si è riusciti, nonostante l’aumentato costo del servizio raccolta rifiuti, a mantenere inalterate le tariffe dell’anno 2014″, conclude.