Reggio, Filcams Cgil: “sulla riapertura della Perla Dello Stretto nessuna risposta alla richiesta di un tavolo di confronto per i lavoratori”

Riapre la Perla dello Stretto: la Filmcams Cgil chiede un tavolo di confronti per i lavoratori

perla dello stretto“Villa San Giovanni, “adesso è ufficiale: riapre la Perla dello Stretto”. Questo è il titolo con cui alcune testate giornalistiche hanno ufficializzato la riapertura del centro commerciale villese qualche giorno fa. Un calvario quello dei lavoratori della “Perla dello Stretto” iniziato da diversi anni, quando la “Romeo Antonino Srl” ha mandato a casa centinaia di lavoratori e con essi ha messo fine alle speranze di tantissime famiglie che fin dall’apertura avevano puntato sull’opportunità offerta da quel centro commerciale, in un futuro occupazionale stabile e in una sicurezza economica” afferma in una nota Samantha Caridi della Filmcams Cgil di Reggio. “Abbiamo seguito le varie lungaggini burocratiche che dopo tanti anni hanno portato alla riapertura annunciata per il prossimo 22 luglio. Siamo stati sempre presenti -prosegue- anche ai vari incontri della conferenza dei servizi tenutasi a Catanzaro il cui esito positivo ha dato la svolta per la prossima riapertura. Proprio in quegli incontri, “continua la segretaria generale della Filcams Samantha Caridi” avevamo chiesto ai rappresentanti del consorzio “La nuova perla dello stretto” che ci fosse fornito il piano di sviluppo commerciale del centro commerciale nonché la disponibilità ad un coinvolgimento in un tavolo di confronto per tutelare quei lavoratori che dal 2003 e per quasi un decennio hanno prestato servizio nel centro commerciale nelle due grandi superfici di vendita. Confronto che, come allora dichiarato dall’avv. Romeo in rappresentanza del consorzio nuova perla dello stretto, tutti erano disposti a concretizzare con le O.O. S.S. proprio per giungere a concordare un meccanismo di assunzione dei dipendenti Ex Perla. Purtroppo oggi -aggiunge- le cose stanno andando diversamente rispetto all’epilogo auspicato e nessun tavolo si è mai concretizzato nonostante più volte, fino allo scorso mese di aprile ci fossimo attivati nel richiedere anche alle istituzioni: Provincia di Reggio Calabria nella persona del presidente Raffa, Prefettura, Comune di Villa, di farsi parte attiva nel convocare quel tavolo tecnico istituzionale necessario per un confronto tra gli imprenditori e l’organizzazione sindacale. Non si chiedeva che concretizzare con i fatti quel sostegno nei confronti di tutti i lavoratori che spesso è stato oggetto anche di diversi comunicati stampa. Come Filcams, su questa vertenza occupazionale continueremo a seguire i lavoratori e gli sviluppi del centro commerciale con la massima attenzione anche se confidavamo in un finale diverso dal solito, fatto di sensibilità e interessamento concreto delle istituzioni nonchè – conclude- di un costruttivo confronto con gli imprenditori ma, purtroppo, oltre le belle parole e le buone intenzioni non vi è stata evidentemente alcuna volontà ad andare oltre”.