A Reggio il Festival Nazionale delle Città Metropolitne

Nel corso del Festival delle città Metropolitane firmato un documento con alcuni impegni: un vincolo di spesa del 20% da destinare alle politiche ambientali, la realizzazione di un grande parco metropolitano e piani di gestione dei centri storici e di tutti i beni culturali

IMG_20150718_140107Un vincolo di spesa del 20% da destinare alle politiche ambientali, la realizzazione di un grande parco metropolitano, piani di gestione dei centri storici e di tutti i beni culturali. Sono solo alcuni degli impegni che l’Inu (Istituto nazionale urbanistica ) e l’Ordine provinciale degli architetti richiedono espressamente alle nascenti città metropolitane con la “carta di Reggio Calabria”. Il documento è stato siglato nella giornata di oggi dalla presidente dell’Inu Silvia Viviani e dal presidente dell’Ordine provinciale degli architetti Paolo Malara, a conclusione del “Festival nazionale delle città metropolitane”, la tre giorni di approfondimenti e dibattiti che si è svolta in città a partire da giovedì e che ha visto gli esperti confrontarsi con i rappresentanti di Governo, Regione, Provincia e Comune. Nella giornata di oggi, l’ultima, suggestiva tappa è consistita in una minicrociera lungo la costa tirrenica- da Reggio fino a Palmi e ritorno- che assume chiaramente il forte valore simbolico di un territorio che  vuole riappropriarsi delle sua identità e dalle sue straordinarie bellezze. Una “carta di Reggio Calabria”, dunque, che rappresenta la sintesi finale del festival ma anche di tutta una serie di iniziative intraprese nei mesi scorsi. «Sottoporremo la “carta di Reggio Calabria”- spiega Malara- a tutte le istituzioni ai vari livelli, dal Governo centrale alle nascenti città metropolitane. Quello che proponiamo è un modo nuovo di guardare al territorio, recuperando una visione d’insieme per puntare a nuovi modelli di sviluppo sostenibile». Le città metropolitane, dunque, come grande opportunità per invertire la rotta e riuscire finalmente ad una reale pianificazione del territorio. «L’abbiamo detto più volte in questi giorni- evidenzia la presidente dell’Inu Viviani- le città metropolitane non devono essere intese come una mera sostituzione delle Province, bensì come organismi completamente nuovi nelle finalità e nella struttura, che sappiano superare l’attuale logica politica dei “compartimenti stagni” per abbracciare in una visione più ampia l’organizzazione degli spazi urbani e dei processi socio-economici». Obiettivo finale una pianificazione- grazie anche ai fondi europei del Pon Metro- capace di rimettere al centro le relazioni tra le persone, la qualità della vita, la sostenibilità ambientale. Tra gli altri impegni richiesti alle nuove città metropolitane, ad esempio, «sistemi di mobilità multimodale», «la creazione di nuovi paesaggi urbani e territoriali», «iniziative per comprendere la domanda di progetto espressa dalle cittadinanze autoctone e straniere, per la formazione della città interculturale», la valorizzazione dei «capitali socio-territoriali per favorir uno sviluppo locale in grado di autosostenersi». Mentre sul piano più prettamente istituzionale, si chiede tra l’altro che «nell’ordinamento per l’elezione dei sindaci sia obbligo nei programmi elettorali di fare riferimento in modo esplicito e approfondito alle proposte politiche metropolitane», che «si istituisca la Conferenza Stato/Città Metropolitane» e che «si utilizzino le Città Metropolitane per avviare il processo di costituzione delle macroregioni».