Reggio: arrestato e subito scarcerato Giuseppe Cacciola, è accusato di detenzione di droga

I carabinieri hanno rinvenuto presso l’abitazione del Cacciola a Rosarno alcune piantine di cannabis: il giovane è stato giudicato per direttissima

carcereE’ stato arrestato e subito scarcerato Giuseppe Cacciola, il quale deve rispondere di coltivazione e detenzione a scopo di spaccio di sostanza stupefacente aggravato dalla recidiva. In particolare, i carabinieri hanno rinvenuto presso l’abitazione del Cacciola a Rosarno alcune piantine di cannabis (4 essiccate e 2 in vegetazione piantate in un terreno sulla pubblica via adiacente l’abitazione dell’arrestato). Cacciola è stato condotto al Tribunale di Palmi per essere giudicato per direttissima. La difesa, rappresentata in udienza dall’ avv. Biondo e dall avv. Filippo Strangi (in sostituzione di Mimmo Infantino), ha chiesto ed ottenuto dal giudice (dott.ssa Ascioti) l’immediata scarcerazione. Nel mese di Gennaio 2015 era stato arrestato per fatti analoghi e per detenzione di armi clandestine, il padre di Giuseppe, Cacciola Francesco al quale peraltro, in seguito veniva contestata l’aggravante mafiosa. Anche in quel caso su istanza dell avv. Infantino, il giudice disponeva dopo 2 mesi dall arresto, la scarcerazione quindi Cacciola padre risponderà a piede libero dei reati contestati innanzi ai magistrati dellaDda di Reggio.