Reggina, un tifoso: “un gran numero di persone vogliono il fallimento della squadra”

Intervento di un tifoso della Reggina sul processo di salvezza della società: “una parte della tifoseria lotta per la salvezza della squadra, altri sono apatici e disinteressati”

Reggina serata Arena (2)Lettera a StrettoWeb di un appassionato tifoso della Reggina Alberto Murolo, su “alcuni gufi” che vorrebbero il fallimento della società:

Gentile redazione,

sto seguendo con apprensione come tutti i tifosi il destino della Reggina e mi dispiace constatare come, a fronte di uno zoccolo duro sempre presente, soprattutto nelle difficoltá, quando c’è da lottare, un gran numero di “diversamente tifosi” vive, nel migliore dei casi, con apatia e disinteresse questo momento, mentre nel peggiore dei casi remano contro facendosi portatori di interessi che, evidentemente, non sono direttamente sportivi, se il primo obiettivo è il fallimento della Reggina. E lo fanno con la massima naturalezza come se si trattasse di togliere un dente malato, sotto anestesia, e mettere una capsula dal dentista! Mi rivolgo soprattutto a quest’ultimi. La Reggina per fortuna non è un dente. E non è solo una S.p.a., e quando dite che non è giusto salvare una S.p.a., vi dimenticate che la stessa vi ha permesso di saltare e gioire per lunghi anni in serie A e con campionati di vertice in B e C, senza che questo rappresentasse per voi un problema. La Reggina è una grande famiglia e rappresenta tutta Reggio e oltre. Se la mia famiglia si è indebitata, non la mollo per costruirmene un altra, mi dispiace ma non è cosí che si fa, anche se sarebbe molto piú comodo, ma non sarebbe vero amore. E voi, signori, quando parlate di Reggina in D, purtroppo avete davanti agli occhi solo la comoditá di sentirvi piú leggeri senza debiti, credendo di poter subito ambire a grandi palcoscenici(a torto o a ragione non lo discuto). In un mondo dove gli impegni presi vengono con leggerezza disattesi, la Reggina(che ne avrebbe ben donde) vuole ottemperare agli impegni e voi la denigrate e la rinnegate. Diciamo che vi piace “vincere facile”. Cercate su Google “Grazia Arcazzo”… Non pensate a quello che c’è dietro la Reggina, a tutte le persone che ci lavorano, le loro famiglie, a tutti i ragazzini che, dati alla mano, hanno concrete possibilitá di realizzare i loro sogni, crescendo come uomini e diventando calciatori professionisti, portando in giro per l’Italia un messaggio positivo di Reggio. Non pensano a tutti gli altri TIFOSI che soprattutto nelle difficoltá trovano coesione e voglia di lottare portando questa voglia, oltre il calcio, come rivalsa per tutta la Cittá. Foti ha lasciato il sipario, altri imprenditori si son fatti avanti con un messaggio trasparente e con voglia di coinvolgere tutti senza promesse illusorie, ma che scuse avete ancora per restare fermi e indifferenti? Ho capito, state cercando una nuova famiglia…

Grazie e cordiali saluti,
Alberto Murolo