Reggina, Falcomatà: “torniamo da Roma con 3 punti, squadra e società ancora in vita. Ecco la strada per la Lega Pro”

Reggina, in diretta dal Salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio la conferenza stampa di Foti, Praticò e Falcomatà

Reggina Foti Falcomatà Praticò (11)La Reggina è ancora in vita, come avete avuto già modo di leggere su qualche sito online“. Esordisce così il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, nell’incontro con la stampa in corso a Palazzo San Giorgio insieme al Presidente Foti e a Mimmo Praticò.

Le dichiarazioni integrali del Sindaco:
La Reggina non è un fenomeno esclusivamente di natura sportiva, la squadra e la città sono la stessa cosa. Non si può affrontare il problema della mancata iscrizione come un problema ristretto esclusivamente allo sport, prima di tutto per il legame viscerale che c’è da sempre tra la città, i tifosi e la squadra. L’eventuale scomparsa della Reggina avrebbe delle conseguenze anche in città per quelli che sono i posti di lavoro che si andrebbero a perdere, quindi è un fenomeno sociale. Noi abbiamo chiesto a Roma che la nostra città non può essere nuovamente mortificata con la cancellazione della squadra dal panorama calcistico. Accanto a questo però abbiamo detto anche altro, abbiamo detto che la presenza del Sindaco in federazione è una presenza che significa che l’attenzione e la volontà dell’Amministrazione Comunale è quella di creare un nuovo dialogo con tutte quelle che sono le istituzioni, anche quelle di carattere sportivo, facendo parlare bene della nostra città e ricostruendo la nostra credibilità. Abbiamo chiesto che la FIGC investa nella nostra città, creda nella nostra città, valorizzandone gli impianti come lo stadio Granillo e il Centro Sportivo Sant’Agata, di tutto rispetto. Teatri che devono tornare al più presto nelle scene che gli competono, dopo aver ospitato anche la Nazionale maggiore. Abbiamo chiesto con decisione e con fermezza che si trovi una soluzione. Effettivamente il Consiglio Federale non ha cancellato la Reggina. Siamo tornati a casa con una vittoria, con i tre punti. Adesso però sarebbe solo una vittoria di Pirro se non diamo seguito a questa richiesta e ci facciamo trovare pronti. Tutto è rinviato al 4 agosto quando la Lega dovrà decidere sui ripescaggi e dovrà fare in modo di completare il panorama calcistico di Lega Pro con le 60 squadre che il regolamento prevede per la prossima stagione. Dopo si riapriranno i termini per consentire alla nostra squadra di prenderne parte. Per quel momento è chiaro che la Reggina deve presentarsi con tutte le carte in regola, con tutti i documenti in regola. Noi terminiamo oggi un percorso, preferiamo non dire e non scrivere finchè le cose non vengono fatte, parlando così esclusivamente con i fatti. Ancora c’è una speranza accesa per la Reggina. Il ruolo dell’Amministrazione Comunale è – adesso – fare in modo che questo tempo concessoci non sia vano. Tutto il clima di attenzione, di passione, di volontà di fare vivere il calcio a Reggio Calabria adesso si deve tradurre in fatti concreti. L’Amministrazione Comunale ha già svolto il suo compito. Adesso lascio partire un invito da parte nostra, di non disperdere un lavoro e una situazione che stamattina alle 10:01 prima che il Presidente Tavecchio ascoltasse le motivazioni di questa richiesta, sembrava un’impresa impossibile. La prima cosa detta dal Presidente quando ci siamo seduti è stata “mi dispiace, sono franco ma questa cosa non passa”. Dopo è successo altro. Abbiamo fatto passare un messaggio importante. Adesso facciamo in modo che questo messaggio non sia vano. Non ci saranno altre prove d’appello. Ve lo chiedo non solo da tifoso ma anche da Sindaco di questa città, una città che negli anni ha dimostrato che il suo riscatto passa anche dallo sport. Qui si è dimostrato che non si muore mai. Aiutateci a non fare morire non solo lo sport, ma che non si crei il pensiero malato che in questa città non ci sia più nulla da fare. Noi lavoriamo su tutti i settori, e sono tanti. C’è grande emergenza in questa città, aiutateci a non disperdere un patrimonio come la Reggina, un patrimonio che è di tutta la città. Facciamo ripartire questa squadra con un nuovo progetto, con nuove energie, con nuove intenzioni perchè da oggi non si torna più indietro“.

Reggina, il Sindaco Falcomatà: “sullo stadio Granillo abbiamo sbagliato noi, il club ha tutto il diritto”