Mobilitazione a Roma a difesa dei formaggi fatti con vero latte: “la Regione Calabria in primis prenda forte posizione”

Molinaro: in Calabria a rischio settore importante per l’economia e il presidio del territorio

No ai formaggi con la polverina“In Calabria si sta puntando molto sulla zootecnia e sui formaggi (quelli fatti con latte vero) e l’Unione Europea, sotto il pressing delle lobby, vuole liberalizzare l’uso di latte in polvere per produrre formaggi? Siamo all’assurdo –commenta Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – presente a Roma con una nutrita delegazione di allevatori, casari e consumatori calabresi che in piazza Montecitorio si sono mobilitati per impedire il via libera in Italia al formaggio e allo yogurt senza latte che danneggia e inganna i consumatori, mette a rischio un patrimonio gastronomico custodito da generazioni, con effetti sul piano economico, occupazionale ed ambientale.

A rischio – prosegue – c’è un settore che – sottolinea  rappresenta una voce più importante dell’agroalimentare e che svolge anche un ruolo insostituibile di presidio del territorio, nel quale la manutenzione è assicurata proprio dal lavoro silenzioso di pulizia e di compattamento dei suoli svolto dagli animali al pascolo. Il via libera alla polvere di latte significherebbe aumentare la dipendenza dall’estero con la chiusura delle stalle, la perdita di posti di lavoro e l’abbandono delle montagne e delle zone interne, a rischio spopolamento, dove il formaggio si fa con il latte vero.

polvere di latte per il formaggioSono interessi veri e reali – continua – che guardano  a quello generale e che hanno visto cittadini-consumatori, Istituzioni nazionali e locali, imprenditori tutti uniti in questa sacrosanta battaglia sulla quale non arretreremo di un millimetro. Davanti a tali pericoli – chiede – che ci sia un posizionamento forte in primis della Regione, ma anche da parte di cittadini, trasformatori  ed altre Istituzioni locali. Formaggi senza latte non li vogliamo!