Milazzo, presentato il Piano straordinario degli interventi sanitari nelle aree a rischio

Il Consiglio ha discusso l’atto e le sue molteplici sfaccettature

Comune di MilazzoNell’aula consiliare del Comune è stato presentato il Piano straordinario di interventi sanitari nelle aree a rischio ambientale della Sicilia. Tale misura interessa tutti i Comuni del distretto socio-sanitario d27 (Milazzo-capofila , S. Filippo del Mela, Condrò, Gualtieri Sicaminò, Monforte S. Giorgio, Pace del Mela, Roccavaldina, S. Lucia del Mela, S. Pier Niceto, Spadafora, Torregrotta, Valdina, Venetico).

Ai lavori, introdotti dal saluto del presidente del Distretto, Antonino Campo, e dal sindaco di Milazzo, Giovanni Formica, hanno partecipato tra gli altri il dott. Salvatore Scondotto, del Dipartimento Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico dell’Assessorato Regionale della Salute, ed il direttore sanitario dell’Asp Domenico Sindoni.

Quest’ultimo ha indicato l’obiettivo finale del piano: “focalizzare l’attenzione sulle aree a rischio, investendo le risorse messe a disposizioni dalla regione in interventi mirati di salute pubblica”. Gli ha fatto eco Scondotto, che ha descritto nel dettaglio le dieci linee di intervento su cui si sta agendo. Fra le prime vi è  la sorveglianza epidemiologica (descrittiva e analitica – linea 1 e 2) perché è dai dati e dall’incidenza che occorre partire per valutare l’entità dei problemi. Ambito di azione, questo, di cui è referente lo stesso servizio 7.

Dall’osservazione agli interventi: “tutte le attività previste - ha ribadito il dott. Scondotto - sono di comprovata efficacia perché si rifanno a programmi già attivi a livello nazionale e regionale”. Le altre linee previste dal Piano sono: 3) sorveglianza sanitaria in soggetti con valori anomali di biomarcatori, 4) promozione corretti stili di vita (contrasto a fumo alcol, cattiva alimentazione, sedentarietà); 5) screening per i tumori femminili e colon; 6) sorveglianza sanitaria rischio amianto e salute lavorativa; 7) razionalizzazione dell’offerta territoriale diagnostico assistenziale (ospedaliera, gestione integrata cronicità e consulenza genetica); 8) responsabilizzazione organi di sanità locali (ASP- funzione di coordinamento dipartimento di prevenzione e focal point); 9) comunicazione, trasparenza e partecipazione attiva comunità; 10) Controlli della catena alimentare.

In questi mesi di lavoro l’Asp ha già provveduto a pianificare accertamenti sanitari gratuiti per tutti i lavoratori ex Sacelit esposti ad amianto. Sono state potenziate le attività di screening oncologico, sia per il tumore della mammella dell’intero e del colon retto. In questo ambito l’Azienda ha anche allestito presso l’ospedale di Milazzo un ambulatorio dedicato in cui gli oncologi dell’ospedale S. Vincenzo, una volta alla settimana, visitano i pazienti direttamente in loco, evitando che debbano spostarsi a Taormina.