Milazzo, Formica contro Dusty: sui rifiuti non scherziamo

L’Amministrazione passa all’attacco: le criticità vanno risolte, via ai controlli

formica sindaco milazzoIl sindaco Giovanni Formica ha riscontrato delle criticità nel servizio di raccolta rifiuti e ha deciso di operare una inversione di rotta. Avendo già incontrato i rappresentanti della società, ha avuto modo di spiegare il suo punto di vista. “I cittadini anche a seguito del perdurare del conferimento nella discarica di Catania si vedranno aumentare le bollette – ha detto Formica – e quindi hanno il diritto di pretendere una città pulita”.

L’ultima ordinanza del primo cittadino impegna le casse comunali per ben un milione e 200 mila euro. Sino al 31 agosto il Comune di Milazzo verserà in dettaglio (e quindi non solo alla Dusty ma anche al gestore della discarica di Grotte): 550.000 per il servizio di igiene urbana; 250.000 per il servizio di trasporto e conferimento in discarica autorizzata; 400.000 per i costi di smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Il Comune paga puntualmente la ditta che gestisce il servizio di rifiuti – ha detto Formica – e quindi è inconcepibile che si registrino dei disservizi che ho avuto modo di riscontrare. Lo svuotamento dei cassonetti deve avvenire nelle primissime ore della mattinata, prima che cominci la giornata lavorativa dei cittadini che non possono ritrovarsi bloccati nelle strade per la presenza dell’autocompattatore impegnato a svuotare i contenitori. Inoltre è indispensabile che gli addetti al servizio di spazzamento vengano dotati di tutte le attrezzature necessarie e svolgano il loro ruolo con costanza e continuità. Rispetto al passato quando magari regnava una certa anarchia per il semplice fatto che l’Ato liquidava in ritardo le fatture, oggi le cose sono decisamente cambiate, almeno per quel che concerne Milazzo. Noi paghiamo un servizio mensilmente e quindi pretendiamo che lo stesso venga svolto in maniera impeccabile. Per questo ho chiesto agli uffici di essere intransigenti”.

Negli ultimi giorni sono scattati anche dei controlli a sorpresa per vedere se l’intervento sul territorio avviene in modo uniforme e a palazzo dell’Aquila si vocifera che presto partiranno delle contestazioni per alcuni disservizi nella gestione della raccolta rifiuti. Perfino l’assessore all’Ambiente Damiano Maisano, assieme ai vigili urbani, ha operato personalmente controlli in diverse zone della città, riscontrando delle criticità. “Questa Amministrazione non farà sconti a nessuno – afferma Maisano - soprattutto per un senso di rispetto nei confronti dei cittadini che, sobbarcandosi sacrifici che comprendo, pagano la Tari e quindi hanno il diritto di vivere ed avere una città pulita”.