Messina: successo per il corso “Manovre di Primo Soccorso” [FOTO]

Foto di GruppoIl giorno 30 giugno 2015,  presso la sede dell’Associazione Nazionale Paracadutisti d’Italia sita in Viale Europa del Comune di Messina si è svolto con successo il corso di “Esecutore BLS-D CPR AED FIRST RESPONDER” (rianimazione cardiopolmonare con l’uso del defibrillatore) organizzato dai Soci Franco Grassi, Segretario della Sezione, e Antonino Smiroldo, prezioso promotore dell’iniziativa.  Il tutto si è potuto realizzare grazie alla collaborazione dell’Ente di alta formazione professionale “FEMA GROUP” di Brolo (ME), che ha messo a disposizione della Sezione Paracadutisti di Messina due validi Istruttori, Ricciardi Luca e Andaloro Adriana, e l’abbondante materiale necessario per le prove pratiche oltre all’ausilio di strumenti audio-visivi.

Hanno partecipato al Corso:  Spampinato Vittore, Santoro Giulio, Grassi Franco,  Galuppo Beniamino, Viola Ermenegildo, Ciccolo Salvatore,  Trimboli Orazio,  Mento Giuseppe,  Ortoleva Dayana,  De Salvo Ivan  e  Spadaro Ivan.

20150630_160719-1Sono stati trattati in maniera esaustiva i seguenti argomenti: riconoscimento dei sintomi dell’arresto cardiaco e polmonare, testimoniato e non testimoniato; valutazione dei segni vitali; catena della sopravvivenza; il “gasping”; responsabilità legale del soccorritore; rianimazione di soggetti in età pediatrica; soffocamento e disostruzione delle vie aeree; procedure operative con DAE.

Sono seguite le prove teorico-pratiche con le relative manovre e tecniche di rianimazione, anche con l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, per le quali gli undici Allievi (tutti Soci della Sezione A.N.P.d’I. di Messina) hanno dimostrato massima volontà ed interesse, consapevoli che forse un domani potrebbero essere utili a concorrere per la salvezza di qualche vita umana.

Ai partecipanti, risultati idonei alle verifiche di valutazione finale, sarà rilasciato un Attestato convalidato dalla Centrale Operativa 118 che, ai sensi dei Decreti 18-03-2011 e 24-04-2013, autorizza l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico in ambito extra-ospedaliero, in qualità di “operatore non sanitario”.