Messina, ex Sanderson: il processo si chiude con un nulla di fatto

Nella giornata di ieri sono stati assolti due protagonisti della vicenda, mentre per gli altri è  scattata la prescrizione

tribunale messinaIl processo sull’ex Sanderson di Pistunina ha avuto, nella giornata di ieri, un nuovo risvolto, col giudice monocratico Sebastiano Sofia che ha disposto due assoluzioni per il reato ambientale di deposito incontrollato di rifiuti tossici. A tirare un sospiro di sollievo sono stati l’ex presidente Esa Roberto Materia e Giovanni Fortunato Lo Presti, responsabile provinciale dello stesso ente. Per entrambi la formula è stata piena: “il fatto non sussiste”. Al loro fianco risultavano indagati anche Gaetano Schirò, addetto alla bonifica, e Gualtiero Masini, della Teseco spa. Questi hanno visto scadere i termini del processo: pertanto i reati risultano prescritti.