Messina, controlli a tappeto sulla SS114: 4 denunce in Procura

Il posto di blocco ben visibile non ha scoraggiato l’abuso di alcol né  l’uso di stupefacenti

Posto di controllo Carabinieri MessinaUna serrata azione di controllo è stata condotta dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile nei giorni scorsi sulla Strada Statale 114  nel contesto dell’iniziativa “Lotta alla guida in stato d’ebbrezza: adotta una strada” al fine di prevenire le conseguenze nefaste connesse alla guida in stato di ubriachezza o sotto effetto di stupefacenti e invitare soprattutto i più giovani a un divertimento intelligente.

Nella circostanza le  “gazzelle” sono state impiegate sulla Strada Statale 114  ove numerosa è la presenza di giovani soprattutto nei fine settimana.

Nonostante il servizio avesse finalità preventive e fosse ben visibile proprio al fine di scoraggiare i temuti abusi, due persone sono state deferite alla locale Procura della Repubblica per guida sotto i fumi dell’alcol, un conducente per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti finalizzati ad appurare il consumo di stupefacenti ed un altro soggetto per porto ingiustificato di armi mentre altre 4 persone sono state segnalate alla locale Prefettura per droga.

Ad essere denunciati per guida in stato di ebbrezza  sono stati due ragazzi di 22 e 39 anni, che presentavano, il primo un tasso alcolemico di g/l .1,44, il secondo di 0,89.

A un 27enne di Messina è stato invece contestato il rifiuto a sottoporsi ad accertamenti finalizzati ad appurare il consumo di stupefacenti. L’uomo, infatti, controllato alla guida di una Smart, nonostante presentasse tutti i sintomi legati al consumo di stupefacenti, si rifiutava di sottoporsi alle previste verifiche, incorrendo così nel reato  sanzionato dal c. 8 dell’art 187 del C.d.S..

Per tutti è scattato il ritiro della patente, con la conseguenza che i veicoli loro condotti sono stati affidati a conoscenti idonei alla guida o al carro attrezzi.

Un altro soggetto è stato denunciato per porto ingiustificato di armi in quanto occultava sugli indumenti un coltello lungo 15cm.

Nel corso del medesimo servizio quattro giovani di età compresa tra 19 e 20 anni sono stati segnalati alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti in quanto utilizzatori di un involucro di cellophane contenente hashish rinvenuto sugli abiti di uno dei soggetti.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.