Messina, la Caritas scende in campo contro la ludopatia [FOTO]

L’azzardo non è un gioco: slot mob a San Saba

slot mob ludopatia messina 2Un’occasione speciale, il primo Slot Mob di Messina, che si è svolto il 21 giugno nel bar “Oasi Azzurra” di San Saba. Un’occasione di impegno e di serena condivisione, di divertimento e di riflessione, alla quale la Caritas diocesana di Messina Lipari S. Lucia del Mela ha aderito nell’ambito della campagna pluriennale contro il GAP, gioco d’azzardo patologico, denominata “Game over”.

E se -come raccontano le immagini pubblicate – la giornata dello Slot Mob è stata una giornata di festa, la Caritas Diocesana non manca di rinnovare l’appello ai titolari di esercizi commerciali – tabacchi, bar, ecc. – affinché decidano, proprio come ha fatto l’“Oasi Azzurra” di San Saba, di rimuovere, o non ospitare, le slot machine che, in presenza di fragilità sociali, culturali, emotive, rischiano di trasformarsi in “fabbriche” di isolamento e di indebitamento, con conseguenze talvolta drammatiche, sempre difficili da affrontare.

Si dia spazio – questo l’invito della Caritas Diocesana – ad attività di aggregazione, animazione, coinvolgimento, perché è anzitutto nella relazione tra persone che si superano tristezza, disagi, illusioni.

E se questo è l’appello ai gestori di esercizi commerciali, un altro appello la Caritas Diocesana rivolge ai cittadini in genere e alla comunità cattolica in particolare: premiamo, semplicemente frequentandoli, quei bar, quei tabacchi, quei negozi che hanno eliminato le slot machine, e che, nel far questo, hanno dimostrato con i fatti di aver preso una fondamentale scelta etica.