Il terzo megalotto della SS106 Sibari-Roseto inviato al Consiglio superiore dei lavori pubblici

10L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” rende noto che il progetto relativo al 3° Megalotto della S.S.106 che collegherà Sibari a Roseto il 9 luglio scorso è stato ufficialmente inviato al Consiglio superiore dei lavori pubblici.

Tale passaggio è stato necessario a seguito delle modifiche pervenute sul progetto preliminare fortemente volute ed ottenute dai sindaci dei comuni interessati. Ricordiamo, infatti, che il progetto preliminare prevedeva un costo di 1.234 milioni di euro mentre quello inviato al Consgilio superiore dei lavori pubblici – dopo le modifiche dovute alle osservazioni presentate ed accolte dai comuni dell’alto jonio – ha un costo di 1.460 milioni di euro.

L’Associazione ribadisce la condivisione di questo passaggio anche perché formale, previsto dalla legge ed a norma di procedura. Abbiamo detto già – lo ripetiamo – che è molto meglio un passaggio presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici prima della delibera CIPE che approva l’opera: dopo, infatti, si genererebbero delle incredibili perdite di tempo che durerebbero per anni.

Tuttavia, la Nostra Associazione, ritiene fondamentale che il parere sul 3° Megalotto della S.S.106 da parte Consiglio superiore dei lavori pubblici arrivi in tempi rapidissimi! Siamo certi, infatti, che il progetto debba ricevere un parere immediato anche perché l’opera, tra quelle inviate al Consiglio superiore dei lavori pubblici, è finanziata e quindi è immediatamente cantierabile.

Pertanto l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” invita i sindaci dei comuni dell’alto jonio cosentino interessati al progetto; le forze sindacali ed in particolare il Segretario della CISL Antonio Russo che ha da sempre considerato importante e fondamentale la realizzazione di questa importante infrastruttura insieme al collega della CGIL Angelo Sposato; il Presidente della Regione Calabria On. Gerardo Mario Oliverio; tutte le forze parlamentari calabresi; le associazioni ed i cittadini del territorio ad una azione dirimente ed unitaria affinché il Consiglio superiore dei lavori pubblici si esprima immediatamente su un progetto che merita solo e soltanto di essere avviato al più presto!

Non capire la necessità e l’urgenza di attuare immediatamente quelle azioni dure e determinate per ottenere celermente il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici significa sottovalutare con estrema superficialità (assumendosi una gravissima responsabilità storica), le conseguenze di un ennesimo ed inutile dilatarsi dei tempi – peraltro questa volta non definito – per l’avvio dei lavori del 3° Megalotto della S.S.106 tra Sibari e Roseto.