Lite per festa patronale, parroco aggredito nel reggino

PreteIl parroco di Caraffa del Bianco, Sylvestre Ibara, 37 anni, congolese, e’ stato aggredito nel corso di un incontro per discutere della festa patronale. L’aggressore sarebbe uno dei promotori della festa, contrariato per le difficolta’ economiche legate all’organizzazione dell’evento. Ibara e’ stato ricoverato nell’ospedale di Reggio Calabria. I carabinieri hanno avviato indagini. Il vescovo di Locri, mons.Francesco Oliva, ha condannato l’episodio. Per il parroco aggredito i sanitari degli “Ospedali riuniti” di Reggio Calabria stanno valutando la necessita’ di un intervento chirurgico a causa, in particolare, dei danni subiti dal sacerdote ad un occhio. Il vescovo Oliva, dopo essere stato avvisato dell’aggressione subita da don Sylvestre, si e’ recato a Caraffa del Bianco. Il presule si e’ detto preoccupato per un “gravissimo atto di violenza compiuto nei confronti di un sacerdote venuto da lontano per porgere con amore il Vangelo nella nostra terra. Per il momento, la cosa che conta piu’ di ogni altra e’ stare vicino a don Sylvestre, ferito nel fisico e nell’animo, perche’ superi questo momento e guarisca presto. A lui va tutta la solidarieta’ del clero e della comunita’ diocesana”. Secondo quanto si e’ appreso dagli investigatori, comunque, alla base dell’aggressione subita dal sacerdote congolese non c’e’ alcuna motivazione di matrice razziale.