L’Autorità Portuale festeggia i risultati raggiunti fra Messina e Milazzo

Investimenti massicci per il dragaggio del porto in provincia e per l’approdo di Tremestieri

foto dragaggio MilazzoNonostante le voci sempre più ricorrenti dell’accorpamento dell’Autorità Portuale peloritana con Gioia Tauro o con il distretto della Sicilia Orientale di Augusta-Catania, l’ente di Messina continua ad operare regolarmente. E’ infatti iniziato l’intervento di dragaggio del porto di Milazzo, progetto che risale al 2008. L’escavazione dei fondali ha incontrato numerosi impedimenti, tra legislazione confliggente e in continua evoluzione, difficoltà nelle varie fasi dell’appalto, reperimento dei finanziamenti. Nonostante le articolate prescrizioni imposte dal Ministero dell’Ambiente e portati a buon fine i lunghi e complessi monitoraggi ambientali eseguita da ISPRA, la ditta Scuttari, aggiudicataria dei lavori per un importo di  10 milioni e 600 mila Euro,  è ormai a buon punto con le correlate opere di banchinamento ed ha cominciato nei giorni scorsi il dragaggio (come da foto allegata) che porterà i fondali ad una profondità di 11 metri. Grazie alla perseveranza dei propri Uffici e all’ottima sinergia con gli altri Enti coinvolti, fra cui il Comune di Milazzo, i vertici dell’Authority possono esprimere la massima soddisfazione per il risultato raggiunto. Il dragaggio infatti è effettuato  in area SIN (sito di interesse nazionale) dove vige una normativa ambientale di particolare rigorosità e farraginosità che rende tali interventi in Italia quasi impossibili da realizzare, tanto che l’AP messinese può vantare di essere riuscita a raggiungere un obiettivo in assoluta controtendenza rispetto a molti altri porti italiani che ancora si ritrovano  a dover affrontare pastoie normative e operative di complessa risoluzione.

rendering nuovo porto tremestieriIl secondo risultato strategico ottenuto in queste ultime settimane è connesso all’ampliamento dell’approdo di Tremestieri. In un momento storico in cui il Governo si accinge a definire gli accorpamenti delle Autorità portuali italiane e a ridurre drasticamente il sistema di governance dei porti, grazie alla forte attività sinergica fra l’Authority e le istituzioni politiche nazionali, regionali e cittadine nei giorni scorsi si è raggiunto l’importante obiettivo di estensione della competenza territoriale dell’Ente portuale alle aree in cui si realizzerà il nuovo porto di Tremestieri (un rendering in allegato). Prossimamente saranno avviate le procedure di consegna delle aree dalla Regione Siciliana all’Autorità Portuale. Quelle stesse aree su cui la COEDMAR srl avvierà a breve i lavori di completamento del porto per conto del Comune di Messina.

accorinti delrio tremestieriAnche in questo caso una delicata e complessa opera di concertazione con il Ministero Infrastrutture e Trasporti e con le forze politiche e amministrative ha riconosciuto all’Autorità portuale un ruolo nell’opera di sensibilizzazione per giungere alla realizzazione di un’infrastruttura che completerà perfettamente il sistema portuale dello Stretto, ristabilendone l’antico ruolo strategico di connessione per merci e persone tra la Sicilia e il continente europeo, di completamento imprescindibile del corridoio TEN-T scandinavo-mediterraneo e di piattaforma logistico-marittima per le autostrade del mare. Per giungere a tali risultati l’estensione della circoscrizione dell’AP delle aree demaniali marittime regionali rappresenta uno strumento indispensabile per impegnare nuove aggiuntive risorse da destinare alla realizzazione al porto di Tremestieri, la cui gestione rientrerà nella specifica competenza dell’Authority messinese, consentendo una governante unitaria, sinergica e sicuramente più efficace di tutti i porti dell’area. Per far ciò si è reso necessario concordare e sottoscrivere un Protocollo d’intesa con la Regione Siciliana che disciplina ruoli e rapporti fra le due amministrazioni, lasciando comunque alla regione le attività collaterali di alta sorveglianza. Il nuovo porto di Tremestieri a regime riuscirà a garantire l’attracco contemporaneo di 3 navi dedicate all’attraversamento dello Stretto e 3 invece destinate alle Autostrade del Mare. Inoltre, è intenzione dell’AP implementare al più presto tale infrastruttura con depositi per il rifornimento di LNG.

L’importo necessario per la realizzazione dell’opera portuale è di 73 milioni di Euro che, unitamente all’impegno previsto dall’Autorità portuale di Messina per il banchinamento e il dragaggio del porto di Milazzo e la realizzazione del pontile a Giammoro, costituiscono un’iniezione di risorse finanziarie per sole opere marittimo-portuali di oltre 100 milioni di Euro con imponenti ricadute non soltanto economiche ma anche occupazionali.