Immigrazione: altri morti nel Canale di Sicilia

Altri cinque migranti – oltre a una quarantina di cui già si era venuti a conoscenza – sarebbero annegati nel corso delle operazioni di salvataggio nel Canale di Sicilia

Immigrazione: a Trapani migranti soccorsi a largo Lampedusa Altri cinque migranti – oltre a una quarantina di cui già si era venuti a conoscenza – sarebbero annegati nel corso delle operazioni di salvataggio nel Canale di Sicilia condotte dalla nave militare tedesca Schleswig-Holstein, che ieri ha sbarcato nel porto di Augusta 283 profughi soccorsi in tre diverse operazioni. Dopo gli 88 superstiti di un gommone naufragato al largo delle coste libiche, che hanno parlato di una quarantina di morti, anche i migranti di un secondo gommone hanno riferito agli operatori di Medici senza Frontiere che, una volta a bordo della nave, si sarebbero accorti che cinque loro compagni di viaggio mancavano all’appello. In entrambi i casi le vittime sarebbero annegate durante le operazioni di soccorso, mentre tentavano di aggrapparsi alle funi. Le imbarcazioni utilizzate per la traversata, vecchie e fatiscenti, erano già semi affondate al momento dell’intervento di alcuni mercantili in transito nella zona.