Gallico-Gambarie, firmato il contratto per l’avvio dei lavori del terzo lotto

Dopo vari travagli è stato compiuto l’ultimo adempimento amministrativo prima dell’avvio dei lavori del III lotto della Gallico–Gambarie

FIRMA CONTRATTO GALLICO -GAMBARIECon la firma del contratto  è stato compiuto l’ultimo adempimento amministrativo prima dell’avvio dei lavori del III lotto della Gallico –Gambarie.  La formalizzazione  contrattuale, avvenuta questa mattina nella sede dell’Amministrazione provinciale, ha visto come protagonisti l’ingegnere Domenica Catalfamo ( Dirigente del settore viabilità e Rup dell’intervento), per la Provincia, e Gianfranco Minarelli, procuratore speciale della Coop. Costruzioni di Bologna aggiudicataria dell’appalto integrato ( di cui la Provincia è l’ente attuatore)  per la realizzazione di questo importante collegamento mare-monte. Per il finanziamento dell’opera ( 65 milioni di euro) sono stati utilizzati fondi del Por Calabria 2007-2013. A margine delle firma del contratto, il presidente Giuseppe Raffa ha evidenziato  che l’Ente da lui guidato, per  la  conclusione dell’iter tecnico- amministrativo,  “ha dovuto affrontare  ben cinque processi  che alla fine hanno confermato  la correttezza e la regolarità  del lavoro svolto sia dal settore Viabilità, sia della Suap. Finalmente, possono partire i lavori per ultimare quest’opera strategica che abbiamo messo al  riparo dai rischi di infiltrazioni con il protocollo ‘Sciamano’: l’intesa  con la Prefettura e le forze di polizia, per il monitoraggio  sia degli eventuali subappalti, sia  delle forniture”. Giuseppe Raffa, nell’esprimere soddisfazione per l’avvenimento di questa mattina, rivolge un appello alla Regione: “Analogamente – dice -  con la decisione che la Giunta regionale ha assunto  sulla metropolitana di Catanzaro,  chiedo che la Gallico – Gambarie venga inserita nei finanziamenti PAC per  garantire la copertura economica, dunque la prosecuzione e l’ultimazione dell’intervento. Siamo di fronte ad un’opera strategica  e ci sentiamo gratificati  per aver raggiunto questo risultato straordinario. L’arteria in questione, una volta realizzata,  aiuterà il territorio ad eliminare il gap infrastrutturale nel collegamento mare – montagna. E sulla carenza di infrastrutture viarie di questa provincia, faccio un appello al Governo Renzi per un intervento finanziario indispensabile  al superamento dell’attuale stato di  criticità nei collegamenti trasversali Ionio – Tirreno. La richiesta riguarda il completamento  di un’altra arteria strategica, la Bovalino – Bagnara, i cui  lavori,  proprio per mancanza di risorse economiche, sono bloccati nella parte di tracciato interessato alla costruzione del traforo dello Zillastro”.