Calabria, On. Nucera (La Sinistra): “reddito minimo garantito è l’ultima possibilità contro povertà”

Il consigliere regionale, Giovanni Nucera, chiede l’istituzione del reddito minimo garantito “fondamentale presidio contro la disperazione”

Giovanni Nucera, Consigliere regionale La SinistraDal 2000 al 2013 il Sud è cresciuto del 13%, la metà della Grecia che ha segnato +24%. Nel 2014 al Sud si sono registrate solo 174 mila nascite, livello al minimo storico registrato oltre 150 anni fa, durante l’Unità d’Italia: il Sud è quindi destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27,3% sul totale nazionale a fronte dell’attuale 34,3%. Dal 2001 al 2014, sono migrate dal Mezzogiorno verso il Centro-Nord oltre 1,6 milioni di persone, tra questi molti giovani e molti laureati. Secondo il Rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno 2015  al Sud una persona su tre è a rischio povertà. Un quadro desolante fotografato dal rapporto Svimez, che ripresenta la drammaticità della “questione meridionale”. Un Sud Italia stretto dalla morsa della povertà, della disoccupazione, del calo demografico e della più atroce desertificazione industriale ed economica.È evidente, come questi dati fotografino realtà che vivono ogni giorno sempre più famiglie nel nostro Mezzogiorno.  Il Reddito  Minimo Garantito rimane quindi l’ultima arma per arginare una povertà che sempre di più bussa alle porte delle famiglie calabresi. Cosa aspettiamo dunque?” – scrive l’On. Giovanni Nucera, capogruppo de “La Sinistra” alla Regione.

O lo facciamo adesso, aiutando chi più ne ha bisogno, oppure sarà troppo tardi. A fronte di questi numeri che salgono in maniera esponenziale, aspettare ancora per  istituire questo fondamentale presidio contro la disperazione, è un errore che renderà sempre più drammatica la vita della nostra gente. Non è una battaglia ideologica è un dovere per chi ha a cuore la vita di migliaia di persone. Continua quindi la nostra mobilitazione sulla proposta di legge fatta in Consiglio regionale, la cui giustezza è confermata  da autorevoli economisti che si sono schierati a favore del reddito minimo garantito  - prosegue Nucera-  “Libera, contro le mafie”, il terzo settore, le associazioni, la società civile e i singoli cittadini ci accompagnano, ma non solo, sono molti i sindaci, sia di centrodestra che di centrosinistra che hanno depositato una mozione a sostegno della proposta di legge regionale sul reddito minimo garantito, inserendo la tematica negli ordini del giorno dei loro consessi. Tra gli altri comuni che hanno approvato la mozione ricordiamo, Reggio Calabria, Altomonte, Cassano  Ionio, Villa San Giovanni, Cinquefrondi”.

A questi consiglieri  va il mio personale ringraziamento per la sensibilità dimostrata a favore di un presidio che guarda ai calabresi e non alle aree di partito. Infatti, questa proposta è riuscita in pochi mesi a coinvolgere l’interesse proveniente dalle più disparate aree politiche, a dimostrazione della necessità e della urgenza di approvare la legge e di realizzare il Reddito minimo in Calabria. Anche la Provincia di Reggio Calabria si muoverà in questa direzione con il Presidente Raffa, che ha già chiesto di inserire la tematica nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio. Con tutti i sindaci che hanno presentato le mozioni a sostegno della nostra proposta, con le associazioni e tutti i rappresentati istituzionali è prevista dopo l’11 agosto una conferenza stampa, per farci sentire ancora una volta, per dimostrare che in Calabria siamo la maggioranza a volere fortemente il Reddito minimo garantito“- conclude il consigliere de La Sinistra.