Barcellona PG, prive di fondamento le notizie di una rescissione contrattuale fra Mandanici e Vittorio Emanuele

Il sindaco smentisce le indiscrezioni fantasiose riportate da alcuni organi di stampa

Teatro Placido Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto Intempestive e non aderenti al vero: così il Consiglio d’Amministrazione del Teatro Vittorio Emanuele ha etichettato le indiscrezioni riportate da alcuni organi di stampa in merito all’ipotetica rescissione che lega l’Ente di Messina al Mandanici di Barcellona, rescissione auspicata – almeno secondo i rumor – dal primo cittadino Roberto Materia.

Questi ha avuto un colloquio col presidente Maurizio Puglisi e col Sovrintendente Antonino Saija. Evidenziando la cordialità dello scambio e le reciproche disponibilità riscontrate, nel rispetto sì delle funzioni diverse ma anche delle finalità condivise, l’Ente Teatro ha preso atto della volontà del primo cittadino d’imprimere un cambio gestionale al corso del Mandanici.

Il CdA ha così concluso la sua nota: “La disponibilità manifestata deriva dalla convinzione dell’alto valore istituzionale e sociale dell’autonomia delle Comunità locali nell’assumere per il proprio territorio le scelte di cui, ovviamente, gli organi preposti si assumono le relative responsabilità. Cosi come un valore è stato ed è, e ciò non può essere disconosciuto da nessuno, che il Teatro di Messina ha consentito la effettiva apertura, con relative attività, di un teatro, il Mandanici, chiuso da 47 anni, restituendo al territorio di Barcellona P.G. una “sacra” e fondamentale istituzione culturale. Riapertura che, nonostante i vari tentativi, il territorio non era riuscito ad attuare. Tempi, criteri, modalità e procedure non sono state assolutamente definite, costituiranno terreno di serena collaborazione tra i due Enti e di valutazione da parte degli stessi, nel rispetto, come si diceva – conclude la nota-  dei reciproci interessi e delle competenze degli organi preposti, che per quanto attiene al Teatro sono rappresentati dal Consiglio di Amministrazione“.