AS Reggina, si lavora per il futuro. L’affiliazione alla FIGC e il ruolo del Sindaco, ecco le tappe per la serie D

La nuova Reggina al lavoro per ripartire subito dalla serie D: tante idee in cantiere per un progetto importante, prima di tutto l’affiliazione alla FIGC

reggina 1914 01E’ iniziata oggi la settimana più importante per il futuro della nuova Reggina, quella che sta nascendo dopo l’addio della vecchia società guidata da Lillo Foti che con 29 anni alla guida del club (5 da Amministratore Delegato dal 1986 al 1991, 24 da Presidente fino al 2015) è stato il proprietario e dirigente più longevo dell’ultracentenaria storia amaranto, ben oltre i 16 anni di quell’Oreste Granillo che tra 1960 e 1976 regalò alla Reggina la prima serie B (1965) con ben 10 anni consecutivi di cadetteria. Oggi lo stadio di Reggio porta il suo nome in onore di quella che per la piccola Reggina sembrava un’impresa, poi il salto di qualità negli anni ’90 e la storia che diventa autorevole, blasonata, gloriosa.

regginaLa Reggina di Foti è stata una delle favole più belle della storia di tutto il calcio italiano, nata in silenzio nel 1986 da un gruppo di intrepidi imprenditori reggini con la passione amaranto nel cuore, ha poi saputo costruire i suoi successi nella progettualità e nella lungimiranza di una visione basata sulle strutture e sul lavoro. Oggi alcuni di quegli stessi imprenditori impegnati nell’operazione-1986 (Mimmo Praticò, Nato Martino, Enzo Romeo) si sono rimboccati le maniche per fare in modo che quella storia non rimanga una leggenda, per fare in modo che la Reggina non muoia ma continui a vivere, per fare in modo che quella storia gloriosa e ultracentenaria continui ancora. Così è nata l’AS Reggina, la nuova società destinata a dare continuità alla passione amaranto. Al netto delle chiacchiere da bar che rimbombano in città, ad oggi (lunedì 27 luglio) l’AS Reggina del gruppo che aveva provato a tenere in vita la Reggina Calcio in Lega Pro con tutto il suo patrimonio tecnico e umano, è l’unica società che si è costituita.

reggina 1914Non esistono altre cordate, non esistono altri gruppi, non esistono alternative. Ad oggi. E ci auguriamo che tutte le forze economiche, professionali, imprenditoriali e umane che questa città riesce ad offrire si uniscano intorno al progetto dell’AS Reggina, che è aperto a tutti e che ha l’intenzione di accogliere tutti. Perchè il calcio, da sempre, unisce e non divide. E sarebbe imbarazzante che il Sindaco Falcomatà si ritrovasse con più soluzioni alternative su cui poi dare indicazioni alla Federazione per la nuova affiliazione (indicazioni comunque non vincolanti, la scelta sarà solo della FIGC ma su questo faremo chiarezza più avanti). Un imbarazzo che, comunque, è già stato superato dal Sindaco di Parma Pizzarotti e che potrebbe rientrare nella normalità delle cose in una fase in cui un marchio importante come quello della Reggina può essere ambito da molti. Ma sarebbe bello che Reggio desse un messaggio di compattezza e unità.

logo Reggina Carmelo 05I tifosi si sono già messi all’opera per disegnare il nuovo logo, vedi alcune bozze di Carmelo Merenda e di altri supporter pubblicate su facebook, già al vaglio della nuova società. Prematuro ogni tipo di discorso relativo al nuovo DS (Mariotto sarebbe davvero una bella idea), al nuovo allenatore (si riparte dalla bandiera Ciccio Cozza?) e ai calciatori. E’ chiaro che elementi come Aronica e Cirillo sarebbero una garanzia molto importante per affrontare col piglio giusto un campionato rude e difficile come la serie D, ma al momento la nuova società sta cercando di trattenere i più interessanti giovani del vivaio amaranto che potranno essere una garanzia per il futuro, e alcuni sono già pronti alla prima squadra mentre altri, delle squadre Berretti e Allievi dell’ultima stagione, potrebbero comporre la Reggina che parteciperà al campionato Juniores.

reggina logo anticoAdesso si attende il primo step: entro le ore 12 di giovedì 30 luglio dovranno pervenire presso la segreteria del Sindaco Falcomatà le richieste (se saranno più di una) di affiliazione alla FIGC, poi Falcomatà incontrerà le varie cordate (sempre se non sarà una) e lunedì 3 agosto bisognerà depositare la richiesta presso la sede della federazione a Roma. Il Consiglio Federale di martedì prossimo, 4 agosto, dovrebbe poi dare l’ok alla partecipazione della nuova Reggina al prossimo campionato di serie D, con nuovo numero di matricola per affiliazione e con l’attribuzione del titolo sportivo della vecchia Reggina.

Come funziona: il regolamento

figcIn base alle norme della NOIF (Norme Organizzative Interne della Federazione) per l’attribuzione del titolo sportivo e del numero di matricola dell’affiliazione alla Figc per eredità sportiva ad una nuova società, la Federazione deve verificare che la nuova società sia in grado di “fornire adeguate garanzie di solidità finanziaria e continuità aziendale“. Deve essere, quindi, una società che possa ereditare il nome, i colori sociali, i trofei, il palmarés, la tradizione sportiva, le vittorie e finanche le sconfitte. In sostanza l’insieme di quelle componenti infungibili che rappresentano un patrimonio aziendale intangibile, unico nel suo genere, denso di significati sociologici ed economici, integranti la passione sportiva.  Il titolo sportivo non è solo un asettico riconoscimento da parte della FIGC delle condizioni tecniche sportive che consentono, concorrendo gli altri requisiti previsti dalle norme federali, la partecipazione di una società ad un determinato campionato “ma è soprattutto un trasferimento del patrimonio immateriale della precedente società. E questo patrimonio non ha solo un valore di eredità morale bensì un rilevante valore economico costituito dalla possibilità di sfruttare economicamente la continuità (si pensi alle sponsorizzazioni, ai diritti per le riprese televisive ecc.); non per nulla la nuova squadra ha conservato il nome ed i colori della vecchia e, per ultimo non meno importante, la tifoseria granata ha trasferito la propria passione sportiva, come è dato notorio, alla nuova squadra, pur composta in gran parte da calciatori diversi…”. Altro aspetto importante, nella nuova società non potranno esserci cariche dirigenziali o societarie per alcun componente della vecchia società fallita.

Abrogazione del Lodo Petrucci

reggina anticoCon una delibera del 27 maggio 2014, il Consiglio Federale della FIGC ha abrogato i commi 6,7,8,9 dell’art. 52 NOIF, cioè il “Lodo Petrucci”, compresa la norma che prevedeva l’obbligatorietà dell’audizione del Sindaco. Non vi è più quindi la necessità di chiedere il parere del primo cittadino sulla nuova società, ferma restandone la scelta di mera opportunità che resta, naturalmente discrezionale. A Parma, ad esempio, si è fatto ricorso per scegliere quale tra le due società nate per prendere il posto di quella fallita in serie A avrebbe dovuto proseguire l’attività sportiva cittadina. In base alle norme delle NOIF, la nuova società deve aver sede nella stessa città (per confermare il radicamento sul territorio), garantire la sua solidità finanziaria e “la continuità aziendale“, una garanzia della continuità con la precedente azienda, in modo che possa continuare la tradizione sportiva (“il che, in altre parole, significa che i tifosi della vecchia squadra possano continuare ad identificarsi con la nuova“) Secondo la Corte d’Appello l’intento sportivo perseguito dalla FIGC è quello di non lasciare “orfani” gli sportivi e di non disperdere i tifosi della squadra gestita dalla società che ha perso il titolo.

I costi

Per partecipare con una nuova società alla prossima serie D, bisogna raccogliere nell’immediato 350.000 euro. Nello specifico, va effettuato un versamento di 300 mila euro a fondo perduto, mentre gli altri 50.000 euro sono di tasse (fideiussione di 31.000 euro più altri oneri tra tassa associativa, tassa di iscrizione alla Serie D, tassa di iscrizione al campionato Juniores, acconto spese ed assicurazione quantificabili in 19 mila euro), da parte della nuova proprietà che dovrà anche realizzare un piano triennale tecnico – sportivo che dimostri la sostenibilità dell’investimento compiuto.

Il fallimento e la ripartenza dalla serie D

Reggina_Messina_derby_dello_Stretto

E’ un passaggio che a Reggio in questi giorni sembra la fine del mondo soltanto perché l’ultima volta è successo 29 anni fa (senza neanche perdere la categoria), ma nel mondo del calcio è la normalità per tutti i club in modo molto più frequente, dalle vicine MessinaCatania, CosenzaCatanzaro alle più blasonate Napoli, FiorentinaGenoa, Padova, PerugiaParma, Venezia tanto per rimanere agli anni più recenti. Al Venezia, ad esempio, è accaduto quest’anno per la terza volta negli ultimi dieci anni. La nuova Reggina ha la chance di ripartire dalla D che è la quarta categoria nazionale, in cui la squadra amaranto ha già militato più volte. Sfide d’altri tempi all’orizzonte con Battipagliese, CaveseRende, ViboneseSiracusa oltre agli scontri inediti con Palmese e Roccella che sono le uniche della provincia ad aver completato l’iscrizione, e il più sentito Derby dello Stretto con i dirimpettai peloritani spediti in D con la terza “carcagnata” consecutiva, il 30 maggio al San Filippo. Un’incornata – quella di Balistreri al minuto 89 di quel sofferto playout salvezza – che nessuna tribolazione societaria potrà mai cancellare. E’ uno dei più grandi tasselli di una storia gloriosa ed ultracentenaria, destinata a continuare ancora.