Serie D, Palmese sempre più nei guai: Barone e Carbone ognuno per la sua strada

E’ finto in perfetto pareggio l’incontro che c’è stato questa mattina al Comune di Palmi tra il Sindaco della città Barone ed il Presidente dimissionario Carbone

palmese 2 E’ finto in perfetto pareggio l’incontro che c’è stato questa mattina al Comune di Palmi tra il Sindaco della città Barone ed il Presidente dimissionario Carbone. In sintesi non c’è stato nessun ripensamento con l’ex Presidente che conferma, anche davanti al Sindaco  di Palmi Barone la volontà di  consegnare la squadra  all’amministrazione Comunale con l’augurio che quest’ultima possa individuare il percorso  più facile affinchè la squadra di calcio possa partecipare al prossimo campionato di serie D. Il Sindaco invece ha confermare, invece che a giorni  partire l’azionariato popolare al fine  che tutta  la comunità palmese possa essere coinvolta in questo progetto. Intanto i  giorni passano e nessuno spiraglio  si riesce ad intravedere e soprattutto dal fatto che entro poco dovevano o essere recuperati alcune decine di migliaia  di Euro per poter iscrivere la squadra nel campionato di serie D. Ma non solo questo,  il tecnico Salerno ed i giocatori tutto aspettano di vedere e  sapere da parte di Carbone come comportarsi visto che le richieste per molti calciatpo0ri non mancano. Davanti ad una discreta presenza di tifosi e pochi giornalisti (l’ufficio stampa?  anche in questa circostanza ha distinto i figli con i  figliasti)il primo cittadino ha tenuto a precisare che ci sono degli obblighi di Legge che obbligano qualsiasi  amministrazione Comunale ad erogare dei soldi alle varie Società sportive, motivo per il quale il Comune oltre ad aver dato in gestione lo stadio del Lo Presti alla Società di calcio nulla può.  A proposito ancora nulla è stato detto quando i lavori di rifacimento della struttura sportiva  del Lo Presi avranno  inizio dopo che i lavori sono stati aggiudicati da  una ditta di Lametia. In un una caso o nell’altro crediamo che sarà molto difficile che la Palmese per la prossima stagione  possa inizia il campionato giocando su proprio campo. Non ci siamo con i tempi.  “ Il nostro intento -  ha detto il Sindaco Barone- è di fare partire subito  l’azionariato  popolare. Uno strumento che ci consentirà di sapere a quanti davvero sta a cuore la palmese per il resto si vedrà” Nessun accenno invece sui lavori che dovrebbero partire a breve. Pino Carbone, invece,  a ribattere anche a muso duro tutte le inadempienze che secondo lo stesso il Comune non è stato in grado di fare. Nell’occasione l’ex Presidente della palmese ha voluto  ancora una volta confermare che la propria Società nulla a che vedete con le recenti indagini che hanno visto coinvolte  alcune società di calcio  calabresi, nella fatti specie anche la partita Palmese Paolana ( finita 4-3 per i ragazzi di Salerno)”.         

Nino  Neri