Scuola, mercoledì al via gli esami di maturità per mezzo milione di studenti

Inizieranno mercoledì 17 giugno gli esami di maturità

terza prova esami di maturitEsami di Stato al via: da mercoledì 17 quasi mezzo milione di studenti dovrà confrontarsi con la prima prova di maturità, quella d’italiano. Dodicimila le commissioni che dovranno valutarli, messe online dal Miur il 5 giugno. Il giorno dopo, giovedì 18, i ragazzi affronteranno invece la seconda prova scritta: latino al Classico, matematica allo Scientifico, economia aziendale negli istituti tecnici ad indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, scienza e cultura dell’alimentazione nei professionali dove si studiano servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera. Discorso a parte per il Linguistico: non saranno più i maturandi a scegliere la lingua, ma è già stato il Ministero, prevedendo la seconda prova in Lingua straniera 1, ovvero quella principale per i singoli indirizzi. Debutto per i licei Coreutici e Musicali: sono materia di seconda prova teoria, analisi e composizione al Musicale e Tecniche della danza al Coreutico. La terza prova, preparata dalle singole commissioni, è in calendario per lunedì 22. Anche per quest’anno, è confermato l’invio delle tracce della prima e della seconda prova da parte del ministero tramite plico telematico protetto con procedimenti di cifratura, ovvero per via telematica e non più in busta come avveniva una volta. Come per gli scorsi anni, l’utilizzo di cellulari e apparecchiature elettroniche da parte degli studenti comporterà l’esclusione dalla prova. I liceali non sono gli unici a doversi confrontare con un esame rinnovato: 569.339 ragazzi stanno affrontando in questi giorni gli esami di terza media con le prove di italiano, matematica e lingue straniere predisposte dalle proprie commissioni. Venerdì 19 sarà la volta della prova Invalsi, che ha il fine di verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti in italiano e matematica durante il I ciclo d’istruzione. Gli alunni avranno a disposizione 75 minuti da dedicare a ciascuna delle due materie. Le prove sono strutturate in cinque versioni differenti, con le domande uguali per tutti gli studenti, ma inserite in ordine diverso. Particolare attenzione riceveranno gli alunni con disturbi specifici di apprendimento o con bisogni educativi speciali: ciascuna Commissione prenderà in considerazione le modalità e le forme di valutazione individuate nell’ambito dei percorsi didattici personalizzati. Per questo potrà essere previsto l’utilizzo di dispositivi per l’ascolto in formato mp3 dei testi della prova, oppure l’utilizzo di apparecchiature e strumenti informatici, oltre a tempi più lunghi per lo svolgimento delle prove scritte.