Roma: rivendevano farmaci rubati, 9 arresti nel napoletano [VIDEO]

farmaci gdfNove misure cautelari sono state eseguite dalle Fiamme gialle di Fiumicino e dal Nucleo di Polizia Tributaria di Napoli che hanno sgominato un’organizzazione criminale che rivendeva farmaci rubati nelle province di Napoli, Caserta e Genova. In manette anche una nota farmacista napoletana. Nel giugno 2014 le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Roma sequestrarono un ingente quantitativo di farmaci rubati ed arrestarono un primo farmacista della provincia di Salerno, tutt’ora sottoposto a misura cautelare. Le successive indagini hanno consentito, nel marzo 2015, di individuare tutti i responsabili dell’attività criminosa, delineare il loro ruolo ed eseguire un primo provvedimento cautelare nei loro confronti. Le recenti indagini hanno consentito l’emissione del nuovo provvedimento restrittivo della libertà personale nei confronti dei nove arrestati, tutti campani. Durante l’operazione è stato scoperto e perquisito un immobile a Casoria che veniva utilizzato come deposito dei farmaci rubati. L’operazione ha permesso di impedire che migliaia di costosissimi farmaci, oramai inutilizzabili e pericolosi per la salute dei consumatori, potessero invadere i banchi delle farmacie compiacenti dislocate su tutto il territorio nazionale. Sequestrate oltre 68mila confezioni di farmaci di vario tipo, genere ed origine – anche ospedaliera – per un valore di mercato pari a circa 1.800.000,00 euro, stoccati in depositi e in due farmacie di Arzano, Casoria e Napoli.