Rimborsi Calabria, Lanzetta a Lo Moro: “siamo tutti sconfitti”

Rimborsi Calabria: le parole della Lanzetta alla deputata Doris Lo Moro

lanzettaIo non sono vittoriosa di nulla, perche’ oggi come oggi siamo tutti sconfitti e soprattutto la Calabria e i calabresi“. Lo afferma in una nota Maria Carmela Lanzetta, componente della direzione nazionale del Pd, rivolgendosi alla deputata Doris Lo Moro. “In tempi non sospetti – aggiunge – ho fatto le mie valutazioni (cosi’ come molti altri autorevoli rappresentanti della vita politica e sociale italiana: per iniziare a capirlo basterebbero quelle riguardanti il caso impresentabili) sulla funzione della Commissione Antimafia, a piu’ di cinquant’anni dalla sua istituzione. Le ho pure comunicate, appena eletta, ad alcuni autorevoli membri della Direzione Nazionale, specificando che, a mio parere, per dare piu’ forza e attualizzazione alla stessa Commissione (indipendentemente dai suoi componenti, a cominciare dal suo Presidente, che seguono e applicano la Legge) si poteva e si potrebbe pensare di istituire una sezione dialogante e costante con la Societa’ Civile in tutti i suoi risvolti, per far meglio comprendere, soprattutto ai giovani, quello che le mafie sono state sono e potranno essere in termini di minaccia e condizionamento del nostro vivere civile, come tutti sappiamo”. “Probabilmente – aggiunge Lanzettala definizione di passerelle ha urtato la suscettibilita’ di qualcuno (evito di riportare, per rispetto, le definizioni date alla Commissione durante il caso impresentabili) e per questo chiedo scusa come ho sempre fatto perche’ ho il coraggio delle mie azioni che ho sempre svolto e svolgero’ a testa alta, com’e’ stato quando ho rifiutato di entrare nella Giunta Regionale. In quell’occasione ho ricevuto un concerto di insulti feroci e alcuni anche volgari, per i quali non ho pero’ avuto modo di leggere nessuno sconcerto. Ma io non mi rassegno a vedere la politica scambiata per un campo di battaglia di insinuazioni e quant’altro. Insulti che, comunque, servono anche a dimostrare i bassi livelli raggiunti dal confronto politico. Se dopo queste vicende regionali molto tristi riuscissimo a trovare tutti un modus vivendi del confronto politico anche aspro, ma rispettoso della dignita’ delle persone, potremmo dimostrare che la Politica ha ancora una funzione importante nella vita di una Nazione, nel momento in cui diventa un mezzo per il raggiungimento di fini virtuosi al servizio dei cittadini e del proprio Paese. Ben venga il confronto, ma non la censura”.