Ricatta una ragazza di Catanzaro per non pubblicare del materiale hot: arrestato

Ha adescato sul web una giovane catanzarese, e l’ha poi minacciata per non pubblicare foto e video hot che la riguardavano: la Polizia ha arrestato un 41enne di Firenze

Un uomo utilizza un computer portatile in una foto d'archivio. ANSA/FRANCO SILVI/DRNUna ragazza catanzarese adescata con l’inganno sui social network e ricattata: la Squadra Mobile di Catanzaro, coadiuvata con quella di Lucca, ha arrestato per estorsione un 41enne di Firenze, Marco Pecori, in esecuzione di un’ordinanza del gip.

L’uomo, riuscendo a farsi inviare dalla giovane foto e video erotici, l’avrebbe poi ricattata per non pubblicare in rete il materiale. La ragazza, per una volta, aveva pagato circa 200 euro, per poi subire dal suo “ricattatore” altre richieste.

Il tutto è partito dalla denuncia della ragazza, a seguito della quale si è attivata la Squadra Mobile di Catanzaro; da ciò che è emerso, l’uomo, grazie ad una falsa identità virtuale, si era presentato alla giovane intenzionato a stringere con lei una relazione amorosa. La ragazza, arrivando a fidarsi di lui, gli avrebbe poi inviato le foto ed i video suddetti. Una volta che il 41enne è riuscito ad entrare in possesso del materiale, sono iniziate le richieste estorsive.

A casa di Pecori, al momento dell’arresto, la Polizia ha sequestrato un personal computer contenente materiale pornografico e svariati supporti informatici ritenuti utili allo sviluppo delle indagini.