Reggio, lo sfogo di un cittadino indignato per l’acqua: “che fine ha fatto la Diga del Menta?”

diga del mentaUn lettore di StrettoWeb indignato, ci segnala la grave e costante mancanza d’acqua in città e la poco chiara situazione riguardo la Diga del Menta “Sembra un piano studiato ad hoc … ma non voglio assolutamente attribuire tanta capacità progettuale ai nostri perennemente incapaci amministratori. Si perché se avessero studiato, per qualche strana ragione a loro conveniente, di assetarci in modo scientifico, avremmo sicuramente avuto, in ragione della loro stoltaggine, miliardi di litri di acqua a disposizione. Invece i milioni, ma di euro, il comune pretende di incassarli con le esose bollette che invia chiedendo compensi per un servizio di erogazione che tale non è, visto che tre quarti della città è completamente all’asciutto e la poca acqua che ogni tanto scende dai rubinetti non è potabile. Eppure Reggio di acqua ne potrebbe avere tanta se solo i nostri amministratori regionali, provinciali, comunali riuscissero a sbrogliare quella matassa, da loro stessi volutamente ingarbugliata, che risponde al nome di DIGA DEL MENTA, un’opera già completamente realizzata la cui abbondante raccolta viene sversata solo perché manca la messa in posa si un chilometro scarso di tubi, ovvero il tratto di adduzione verso i serbatoi cittadini. Di tutto ciò nessuno ne parla ma parecchi sanno che è  proprio così!!!! A voler pensar male (che poi spesso ci si azzecca) direi che a guadagnarci sono solo gli industriali dell’acqua in bottiglia, e da cotanto guadagno, mettere qualche mazzetta tra le voci di costo industriale il passo è breve“.