Reggio: “anche la rotatoria di Pellaro Lume non è nata sotto i migliori auspici” [FOTO]

rotatoria di Pellaro Lume (2)“Dopo  la rotatoria di Lazzaro Nord, dove ancora si registrano incidenti, la stessa sorte è toccata alla rotatoria di Pellaro Lume. Invero  nemmeno il tempo di entrare in funzione, i lavori ancora devono essere completati, ed ecco che si registrano i  primi incidenti. Verosimilmente nella nottata tra sabato e domenica uu.ss. due veicoli in entrata alla rotatoria  lato monte hanno proseguito dritto finendo sulla struttura”. Lo afferma in una nota Vincenzo Crea, Referente unico dell’ANCADIC Onlus.

“Le tracce dei pneumatici impresse dai veicoli sul manto stradale, sulla rotatoria  e il danneggiamento di alcuni segnali e lanterne  posti sulla stessa struttura fanno ritenere che si sarebbe trattato di due autonomi incidenti che avrebbero visto coinvolti due mezzi, uno pesante e l’altro leggero, che provenienti da Melito giunti alla rotatoria hanno proseguito dritto sull’opera uscendo dal lato opposto (direzione Reggio). Questa associazione già lo scorso 25 agosto 2014 aveva richiesto al Dirigente del Settore Servizi Tecnici del Comune di Reggio Calabria di verificare la reale rispondenza delle opere  realizzate  e quelle  in corso di completamento  con il progetto esecutivo approvato riguardanti gli interventi ricadenti nel territorio di Reggio Calabria. Tale richiesta è stata sollecitata lo scorso 4 giugno atteso che la rotatoria di Pellaro Lume, da qualche giorno aperta al transito, presentava un pericolo reale, concreto e grave per la circolazione veicolare in quanto la presenza di un fabbricato, situato lato monte lungo il marciapiede della Ss 106 e sul ciglio della adiacente via Lume pregiudica la visibilità ai veicoli in entrata alla rotatoria. Infatti i mezzi che percorrono la Ss 106 Direzione Melito /RC nell’immettersi nella rotonda non vedono i veicoli che provenienti dalla via Lume si immettono nella rotatoria. Lo stesso dicasi per i veicoli che dalla via Lume si immettono nella stessa intersezione. Si segnalava altresì che i sottopassi pedonali in corso di completamento alla rotatoria Pellaro Lume e all’incrocio Pellaro Ribergo non rispetterebbero la normativa per l’eliminazione delle barriere architettoniche e per quanto possibile osservare sembrerebbe che gli stessi non siano muniti di sistemi di smaltimento delle acque piovane. In considerazione che appare sempre più impellente la necessità di intervenire sulla citata rotatoria anche alla luce dei recenti incidenti si è provveduto in data di ieri  a segnalare i sinistri in questione al Dirigente del Settore Servizi Tecnici del Comune di Reggio Calabria e a sollecitare gli accertamenti già richiesti rappresentando anche la necessità  di valutare se la rotatoria in parola e quella della curva della “Coca Cola” consentono il transito in sicurezza ai veicoli di grandi dimensioni (autocarri, bisarche, rimorchi, veicoli eccezionali)”.