Reggio, una poesia per la pista ciclabile: “A pista ciclabili”

Pista Ciclabile 01di Kirieleyson – Questa è la poesia del nostro lettore Pasquale Borruto, nel cui  concepimento è stato ispirato dalla vista di  un’anziana signora rovinosamente caduta a terra sol perchè, contro ogni calcolo statistico,  aveva attraversato la pista ciclabile del  lungomare proprio nel momento in cui c’era una bici in transito.

“A pista ciclabili” ( 27/03/2014)
Sutta a casa i Carmelina proprio quando iu mi mbrisci
Cumpariu na matina culurata tutta a strisci
Nta so porta, u marciaperi cu duu bbrigghia giallinati,
Una sorta di senteri sulu e bici decidati.
Mpari Cola, so maritu, iu cercandu mpormazioni
E ‘nci rissuru: ‘mpeditu’!, ne canusci i cosi bboni
Esti signu i civiltà esti signu i cologia
Oggi a bici esti impurtanti, cchiu di l’acqua e pulizzia!
Mpari Cola si chiumbau, non mi pari chesti stortu
Ma ra casa cchiu non nesci si non ndavi nu cunfortu
Nu binoculo ccattau e si menti di vedetta,
quando nesci so’ mugghieri mi nci scanza a bicicletta.