Reggio: Ordine dei Medici a lezione di trapianto con cellule staminali

Doldo, Ronco, Veneziano, Zema, IrreraSi è parlato del trapianto con cellule staminali durante il primo appuntamento annuale della Commissione Formazione ed aggiornamento presso l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Reggio Calabria.

Tanti insigni relatori del settore si sono alternati al microfono per illustrare le ultime novità di una materia che, come ha evidenziato il Dr. Antonino Zema, Coordinatore della Commissione Formazione presso l’ente ordinistico, “apre nuove prospettive alla medicina ed ha nel Centro Unico Regionale Trapianti di Cellule Staminali e terapie cellulari di Reggio Calabria un autentico punto di riferimento e di eccellenza”.

“Il trapianto di cellule staminali emopoietiche – ha aggiunto il Dr. Zema – rappresenta, in casi selezionati, l’atto conclusivo di un complesso percorso terapeutico in pazienti in terapia oncologica”.

Il Presidente dell’Ordine dei Medici, Dr. Pasquale Veneziano ha rimarcato il concetto che “bisogna difendere tutto ciò che c’è di buono nella sanità calabrese”.

In rappresentanza dell’Azienda Ospedaliera è intervenuto, quindi, il Direttore Sanitario, Dr. Giuseppe Doldo, che ha evidenziato “l’impegno che si sta profondendo per recuperare risorse e personale per migliorare i livelli di prestazione”.

“Ringrazio – ha proseguito il Dr. Giuseppe Doldo – chi non c’è più come il Dr. Neri, e chi si è dedicato ad altro, come il Dr. Iacopino, per ciò che hanno fatto per il Centro Trapianti midollo osseo e per ematologia, ringrazio chi continua a portare avanti questo lavoro d’eccellenza ed auguro a questi reparti una crescita ulteriore rammentando che l’azienda sarà sempre al loro fianco”.

Il Vicepresidente dell’Ordine dei Medici, Dr. Giuseppe Zampogna, ha ribadito quanto sia importante conoscere “le attività del laboratorio in genetica per un uso appropriato delle staminali per i trapianti, la monitorizzazione dei pazienti trapiantati, la traslazione per l’utilizzo in altre specialità, il controllo della sua qualità e lo sviluppo della bioinformatica per la trasmissione delle ultime scoperte con gli Stati Uniti d’America e viceversa”.

 “Il nostro intento – ha spiegato il Dr. Giuseppe Nicola Irrera, Direttore facente funzioni del Centro Trapianti – è quello di far conoscere ai medici di base le potenzialità che offre una struttura come la nostra accreditata all’eccellenza in modo tale che, a sua volta, questi siano in grado di ben consigliare i pazienti su dove essere curati. Siamo l’unica struttura calabrese con accreditamento di eccellenza, ministeriale ed europeo Jace, e ciò rappresenta lo standard di garanzia per la nostra attività di lavoro e la qualità delle nostre prestazioni. La nostra è un’attività in divenire volta ad implementare nuove strategie, non solo terapeutiche ma anche diagnostiche, per raggiungere livelli di medicina avanzata”

“Siamo qui – ha osservato il Dr. Giuseppe Console, Dirigente medico del Ctmo reggino – per stimolare i medici a diffondere la cultura della donazione volontaria di midollo osseo, considerato che la Calabria e fra le ultime regioni italiane in questo ambito, e la provincia di Reggio Calabria in particolar modo”.

A moderare le due sessioni della giornata di studi sono stati il Dr. Giuseppe Zampogna, Vicepresidente dell’Ordine dei Medici, la Dr.ssa Francesca Ronco, Direttore facente funzioni dell’Unità Operativa Complessa di Ematologia dell’azienda ospedaliera reggina, ed il Dr. Sayd Al Sayyad, Capo del Dipartimento Onco – ematologico e radioterapico della medesima azienda ospedaliera nonché consigliere dell’Ordine dei Medici.”.

Tra i relatori dell’evento Elisabetta Massara, Dirigente Medico presso il Centro Unico Regionale Trapianti di Cellule Staminali e Terapie Cellulari “A. Neri” ha relazionato su “Il sistema gestione qualità e le certificazioni”; Antonio Caccamo, Direttore facente funzioni della struttura dipartimentale del Centro Regionale Tipizzazione Tissutale, si è occupato di “tipizzazione Hla ed il trapianto con cellule staminali”. Maria Cuzzola, Dirigente biologo del Ctmo, ha parlato del “ruolo e delle prospettive del Laboratorio”. Tiziana Moscato, Dirigente Medico presso il Centro Trapianti reggino, ha fatto uno zoom sul “trapianto con cellule staminali autologhe”. Di “trapianto allogenico da familiare compatibile: indicazioni e risultati” ha parlato Roberta Fedele, Dirigente Medico del Ctmo mentre Giuseppe Messina, dirigente medico presso la medesima struttura ha posto l’attenzione sul “trapianto aplotipoidentico: il futuro che avanza”.