Reggio, operazione “Confine”: lotta al lavoro nero, 7 persone ai domiciliari

Le indagini sono state avviate nel novembre 2013 con l’obiettivo di contrastare il “caporalato”

carabinieri_112_giu_13Durante la notte, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a sette ordinanze di custodia cautelare personali nel regime degli arresti domiciliari, a carico di altrettanti soggetti indagati per associazione a delinquere finalizzata alla intermediazione illecita e allo sfruttamento del lavoro ed altro.

L’operazione convenzionalmente chiamata “CONFINE”, ha avuto avvio nel mese di novembre 2013, con l’obiettivo principale di perseguire la condotta delittuosa del famigerato “Caporalato”.
I Particolari dell’operazione saranno illustrati a margine delle celebrazioni per la festa dell’Arma di Reggio Calabria, da parte del Procuratore della Repubblica di Palmi, Dott. Ottavio Sferlazza.
La festa avrà luogo presso la Scuola Allievi di Reggio Calabria questa mattina con inizio alle ore 10.00.