Reggio, l’ultima follia suicida del Comune contro la Reggina: “niente più stadio Granillo”

Il Comune di Reggio Calabria nega alla Reggina la concessione dello Stadio Oreste Granillo

stadio granilloIl Comune di Reggio Calabria ha negato alla Reggina Calcio la licenza d’uso dello Stadio Granillo. Una nota breve, stringata, a firma della dirigente del settore dello sport Carmela Stracuzza: “non si può procedere al rilascio della licenza d’uso dello stadio“, riportata stamani dalle agenzie di stampa. Mentre il Presidente Foti sta facendo i salti mortali per garantire alla squadra l’iscrizione al prossimo campionato, proprio il Comune – massima rappresentazione istituzionale della città – sbatte di fatto la Reggina fuori da quella che è la propria casa.

Reggina-Noara

La Reggina – infatti – fino ad oggi aveva pieno possesso e totale gestione dello Stadio Granillo grazie alla concessione per 20 anni ottenuta nel 2007, quando l’allora Sindaco Scopelliti da una parte andava incontro alle esigenze del principale club cittadino, foriero di grandi successi e di gioie straordinarie, e dall’altro tutelava gli interessi del Comune, inserendo nella concessione una serie di misure di cui la Reggina si sarebbe dovuta fare carico.

reggina messina (1)Lavori in parte già realizzati nonostante rispetto al momento della firma della concessione, la Reggina sia retrocessa prima dalla A alla B, poi addirittura in Lega Pro, falcidiata dalle difficoltà finanziarie. Lavori che, comunque, negli ultimi anni hanno dato un volto nuovo e più moderno al Granillo, in modo particolare alla Tribuna Ovest, con le pedane per consentire ai disabili di osservare il match, il palco sotto la Tribuna Vip, l’installazione ci alcuni schermi televisivi, la realizzazione di un’area “ospitalità” che oggi rappresenta il fiore all’occhiello della struttura. Ma soprattutto, concedendo lo stadio alla Reggina il Comune lasciava al club tutti gli oneri della manutenzione dello stesso impianto, a partire dal manto erboso che a prescindere dalle varie categorie in cui la Reggina è finita negli ultimi anni, ha sempre fatto bella figura a fronte di altre realtà, proprio perché gestito direttamente dal club.

Reggina Vigor Lamezia 2015Il Comune di Reggio Calabria, infatti, per garantire l’ordinaria manutenzione dello Stadio, era costretto a spendere una cifra esorbitante, vicina – se non superiore – ai 500.000 euro l’anno, dal 2007 tutta a carico della Reggina. Oltre a tutto questo, la Reggina avrebbe anche dovuto pagare un piccolo canone d’affitto al Comune, che però viste le difficoltà economiche, negli ultimi anni non è riuscita a saldare. Adesso, dopo quest’entrata a gamba tesa nei confronti del club, con una tempistica particolarmente raccapricciante (era questo il momento per dare maggior sostegno e vicinanza al club in difficoltà…), il Comune rischia di non vedere neanche un centesimo da una Reggina sull’orlo del fallimento, e di dover spendere altri 500.000 euro l’anno in più accollandosi la gestione e la manutenzione dello Stadio che la città può già prepararsi ad osservare sempre più abbandonato e degradato. Una follia suicida da parte del Comune, l’ennesima conferma delle frizioni istituzionali tra il Sant’Agata e Palazzo San Giorgio di cui abbiamo già parlato nelle ultime settimane e che hanno avuto un ruolo fondamentale nell’esito negativo della trattativa con Nick Scali.