Reggio, anche Gasparri su Burrone: “ignobile l’esaltazione delle foibe”

gasparriQuello del consigliere comunale di Reggio Calabria, Filippo Burrone, non puo’ rimanere un caso locale ma deve essere stigmatizzato da tutta la maggioranza di centrosinistra anche a livello nazionale. Burrone attraverso i social network ha fatto delle dichiarazioni vergognose e agghiaccianti, da ‘viva le foibe e Tito’ a ‘viva i gulag e Stalin’, fino a definire i nostri Maro’ ‘assassini‘”. Lo afferma, in una nota, il vice presidente del Senato Maurizio Gasparri. Burrone e’ stato eletto in Consiglio con la lista di centrosinistra “Reset per Falcomata’ Sindaco“. “In rete – prosegue Gasparrigirano gli screenshot del suo pensiero che rappresentano un’offesa per tutti i cittadini reggini e ledono l’immagine dell’istituzione che dovrebbe rappresentare. Ma e’ ancor piu’ deplorevole che nessuno abbia finora preso le distanze da queste frasi ignobili. Addirittura oggi il sindaco Falcomata’ in conferenza stampa ha difeso Burrone avallandone quindi il pensiero. I reggini, le persone perbene che pure nel centrosinistra fanno politica non possono che essere disgustati da tali episodi. Le dimissioni di Burrone e le pubbliche scuse di Falcomata’ sono indispensabili per lavare un’onta che umilia e investe tutta la maggioranza di centrosinistra, a Reggio e non solo“.