Reggio: “Filippo Burrone è un uomo impegnato nel sociale, vicino alla gente”

Una cittadina su Burrone: “io in prima persona conosco Filippo non solo come consigliere comunale, ma come uomo impegnato nel sociale che non ha esitato ad ascoltare la mia supplica e farsi carico delle serie, problematiche che mi hanno vista protagonista in prima persona”

Fogna (1)

Una  cittadina di Reggio  difende il consigliere comunale Filippo Burrone dopo le polemiche scoppiate sulle sue “riflessioni” su facebook: “io in prima persona conosco Filippo non solo come consigliere comunale, ma come uomo impegnato nel sociale che non ha esitato ad ascoltare la mia supplica e farsi carico delle serie, problematiche che mi hanno vista protagonista in prima persona”

“Chiedo scusa a Filippo Burrone per tutto quello che scriverò in seguito, conoscendo il suo modo di fare del bene, quasi di nascosto: ma trovo doveroso rispondere al quesito della coalizione di centro destra di cosa ne pensano i cittadini “onesti” . Preciso che non sono, mio malgrado, sua elettrice mi permetto di parlare di Filippo in quanto cittadina onesta, che lo ha conosciuto tramite amici comuni. Io in prima persona conosco Filippo non solo come consigliere comunale, ma come uomo impegnato nel sociale che non ha esitato ad ascoltare la mia supplica e farsi carico delle serie, problematiche cittadine e umanitarie che mi hanno vista protagonista in prima persona. Parlo di problematiche cittadine riferendomi ad una fogna guasta e fuoriscente da tubi eternit da più di due anni !! segnalata centinaia di volte a tutti gli enti competenti facendo presente che si trovava all’interno di un cortile dove risiedono anche anziani e bambini e mio marito Annunziato Cannizzaro malato terminale di cancro di soli 28 anni e con due bambine in tenerissima età. Tutte segnalazioni che sono rimaste inascoltate e cestinate. Noi e tutti gli abitanti dello stabile non potevamo nemmeno stare con gli infissi aperti a causa del fetore infernale che perdurava. Una situazione igienico-sanitaria insostenibile per chi come Annunziato è sottoposto a chemio e radio terapia. Filippo Burrone appena appreso della situazione che si perpetuava da due anni non ha esitato a fare venire sul posto tutti gli assessori competenti tra cui Armando Neri e Angela Marcianò. Grazie a Filippo il problema è stato risolto e tengo precisare che non ha preso presso il nostro comune alcuna preferenza. Annunziato Cannizzaro è uno dei numerosi padri di famiglia percettore di mobilità in deroga che a causa dei ritardi nei pagamenti dell’assegno non ha quindi usufruito dei contributi figurativi e per questo motivo la sua pensione al minimo non può essere erogata come SOP e quindi reversibile. Filippo senza esitare si è fatto carico ancora una volta di mandare tutta la documentazione attestante la gravissima malattia di Annunziato a tutti gli organi regionali per far si che almeno i contributi figurativi gli vengano versati, andando più volte anche a spese sue a Catanzaro. Adesso vi pongo io un quesito è questo l’UOMO che volete far processare o addirittura dimettere ? Per un post su facebook ? E’ terribile, sterile e infruttuoso lo stalking mediatico a cui stiamo assistendo su tutti i social e mass media incuranti che Filippo Burrone non è l’UOMO che viene descritto! Incuranti anche del profondo dolore causato alla sua innocente famiglia e a noi cittadini onesti che gli vogliamo bene. E’ orrendamente indicibile che si urlano a gran voce addirittura le sue dimissioni !! Assolutamente NO ! i ladri, i collusi, i mafiosi si dimettono non Filippo Burrone che disconosce ogni forma di politica mirata. Un uomo che è sempre presente sul territorio, costantemente impegnato nel sociale. Un padre, un calabrese, un consigliere comunale che ascolta i suoi cittadini, vive e lotta con noi e per noi”.