Il reggino Barillà vince la medaglia di bronzo ai giochi europei di Baku: le congratulazioni del Presidente del Coni Calabria

Condipodero: “voglio rivolgere le mie più vive congratulazioni ad Antonino Barillà per la medaglia di Bronzo conquistata ai Giochi europei di Baku nella specialità double trap di Tiro a volo”

Roma, 19 giu. (askanews) - Antonino Barillà ha vinto la medaglia di bronzo nel double trap ai Giochi europei di Baku  superando nella finale per il terzo posto il tedesco Andreas Loew. Nell?ultimo scontro da 30 piattelli l?azzurro ha sbagliato solo una volta, dopo aver preso una ammonizione per aver caricato il fucile fuori pedana. Il suo avversario invece ha collezionato due errori, uno decisivo a due colpi dal termine. Il percorso del 27enne di Reggio Calabria è stato pieno di ostacoli. L?azzurro aveva completato la gara di qualificazione con 142/150 in vetta alla classifica a pari merito con altri tre avversari: il britannico Steven Scott, il russo Vitaly Fokeev , il bulgaro Richard Bognar tutti con gli stessi piattelli e la stessa media 0,947. Nella semifinale Barillà ha centrato 28 piattelli su 30 e ancora una volta si è trovato ex aequo con due avversari: il tedesco Loew e il britannico Scott, per l?accesso alla finale del 3° posto. Nello shot-off per l?accesso alla finale per il bronzo è stato il britannico a cedere sbagliando il 12° piattello. La finale per l?oro invece la vince il russo Vitaly Fokeev (29/30) che in semifinale era giunto secondo con 29/30 mentre l?argento è del ungherese Richard Bognar (26/30) primo in semifinale con 30/30. Non ha partecipato alla fase finale invece Davide Gasparini che ha concluso la qualifica al 15° posto con 136 punti 0,907. (coni.it)“Voglio rivolgere le mie più vive congratulazioni ad Antonino Barillà per la medaglia di Bronzo conquistata ai Giochi europei di Baku nella specialità double trap di Tiro a volo. Si tratta - ha detto Maurizio Condipodero, presidente del Coni Calabria - di un piazzamento di assoluto prestigio che rende pieno onore e giusto merito all’atleta calabrese, quale protagonista di primissimo piano in ambito italiano e internazionale, di una disciplina sportiva affascinante e complessa. Per lo sport calabrese – ha aggiunto Condipodero – gli appuntamenti con i trionfi di Barillà sono ormai diventati una piacevolissima abitudine. Abbiamo, infatti, ancora bene impresse nelle memoria, con immensa soddisfazione, le immagini dell’entusiasmante argento Mondiale conseguito lo scorso settembre, grazie al quale l’atleta ha ottenuto il lasciapassare per l’Olimpiade del 2016 di Rio de Janeiro. Il percorso sportivo di Barillà, inoltre, – evidenzia il presidente del Coni Calabria – testimonia in maniera cristallina quanto sia importante l’impegno e il sacrificio nello sport e, più in generale, nella vita di ogni giorno. Da questo punto di vista la nuova, emozionante, pagina di sport che il nostro campione ci ha regalato, assume ai nostri occhi una dimensione davvero speciale che va ben oltre la pur importantissima medaglia europea. E’ un vero e proprio messaggio positivo che, auspico, i più giovani possano cogliere nel suo significato più profondo e autentico, specie laddove insegna che solo attraverso i valori del rispetto e della lealtà, è possibile diventare dei campioni, prima di tutto, nella vita. Gli stessi valori di cui si è nutrito Barillà, all’interno della sua famiglia e che oggi gli consentono, non a caso, di tenere alto in Italia e nel mondo, il nome e il volto di una Calabria pulita e in grado di raggiungere i traguardi più ambiziosi. A Barillà – conclude il presidente del Coni Calabria – rinnovo dunque le congratulazioni del Comitato olimpico calabrese in ogni sua componente e di tutto il movimento sportivo della nostra regione”.