Reggina, Mimmo Praticò: “l’era Foti è finita, adesso tocca a noi. Io ci sono, il fallimento sarebbe un delitto”

Reggina, Mimmo Praticò ai microfoni di StrettoWeb: “dobbiamo salvare la Reggina, il fallimento sarebbe un grave danno economico e morale per tutta la città”

mimmo praticò (1)Il suo cuore batte amaranto come quello dei tifosi più passionali: Mimmo Praticò, una vita dedicata allo sport e alla città di Reggio, sta considerevolmente contribuendo all’organizzazione del ritorno della “Banda di Scala” in programma per sabato pomeriggio allo stadio Granillo. Diecimila i biglietti in vendita in città, la speranza è quella che il Granillo riesca a regalare un colpo d’occhio importante per un grande evento di beneficenza tutto colorato d’amaranto. Un evento che si incastra proprio con il momento molto delicato della Reggina, che vive in apnea questi ultimi giorni in bilico tra l’iscrizione al prossimo campionato o l’inevitabile fallimento.

logoregginaUna situazione che mette tristezza e apprensione a tutta la tifoseria. Mimmo Praticò ha le idee chiare: “non possiamo lasciare che la Reggina fallisca, sarebbe un delitto. Il rischio è quello di avere un danno economico e morale che sarebbe pesantissimo per tutta una città già sofferente. Sarebbe un dramma che nessuno può augurarsi. La Reggina perderebbe la categoria che ha conquistato con le unghie e con i denti sul campo in extremis con il playout contro il Messina, una categoria che vale tantissimo. In caso di fallimento non è detto che riesca a ripartire dalla D, probabilmente potrebbe ripartire soltanto dall’Eccellenza. E non è proprio detto che riparta: la Viola dopo il fallimento del 2007 è rimasta 2 anni completamente ferma, sparita, inesistente. Chi può augurarsi qualcosa del genere anche per la Reggina? Inoltre in caso di fallimento, il club perderebbe tutto il proprio patrimonio, che è straordinario. Perderebbe la concessione dello stadio Granillo, perderebbe il terreno di proprietà per costruire il nuovo stadio nella periferia nord della città, perderebbe i calciatori e soprattutto il Sant’Agata con i 250 ragazzi del settore giovanile, che le danno una prospettiva importante oltre a rappresentare il volto più bello dell’aspetto sociale, formativo ed educativo di questa società. Perderebbe, inoltre, le maestranze e i lavoratori: non dimentichiamoci che la Reggina crea un indotto non indifferente per la città. Non posso pensare che Reggio Calabria sia nelle condizioni di sprecare tutto questo, di cancellare un simile patrimonio, di decretare la morte di un grande orgoglio cittadino“.

mimmo praticò (1)Sulle prospettive della Reggina, Praticò non vuole essere negativo: “sia chiaro che qui non bisogna illudere nessuno, ma siamo di fronte ad una svolta. Questa svolta può essere negativa, addirittura funesta in caso di fallimento, ma può essere anche positiva. La Reggina può avere grandi prospettive: ha impianti, ha un patrimonio umano e sportivo, ha le carte in regola per tornare subito grande. Qui serve qualcuno che prenda la società e la rilanci in base al proprio grande valore. Ci sono tanti ragazzi che si sono messi in mostra e che hanno mercato, ci sono crediti dalle vendite dei calciatori delle ultime sessioni di calciomercato che arriveranno nei prossimi giorni, ci sono le basi per costruire qualcosa di importante. Se ci fosse qualcuno che avesse un milione e 200.000 euro, la Reggina potrebbe pagare questo dazio e giocare addirittura il prossimo anno in serie B. Ci sono diversi posti liberi, per aggiudicarsene uno bisogna avere questa cifra e versarla a fondo perduto. Se c’è qualcuno che ha questi soldi, può avere in mano la Reggina e giocare in B, non è una cosa indifferente“.

lillo fotiAnche sul Presidente Foti, Praticò ha le idee chiare e conferma quello che su StrettoWeb scriviamo da tempo: “l’era di Foti è finita, me l’ha confermato anche in queste ore. Non ne vuole più sapere della Reggina. La consegna a costo zero, la regala a chi si fa avanti per darle un futuro. Non vuole più rimanere al timone del club che ha condotto per 29 anni, commettendo anche alcuni errori che io ho avuto modo di evidenziare nel tempo, dichiarazioni che non rinnego assolutamente. Ma poi ho visto troppi soprusi contro di lui, ho visto accanimenti, ho visto sciacalli e avvoltoi. Allora mi sono riavvicinato, una questione di cuore, d’amore e anche di obiettiva analisi. Si può dire tutto di Foti, ma quello che lui ha fatto è la storia e ormai appartiene al passato. Adesso dobbiamo pensare al futuro. Adesso tocca a noi. Qui servono dieci persone con 100.000 euro ciascuno, è possibile che in un territorio grande e vasto come Reggio Calabria e la sua Provincia non ci sia nessuno interessato? Io non ci credo. Devono uscire fuori adesso, è il momento giusto. Andrebbero bene anche venti persone con 50.000 euro ciascuno. Io, se sarà possibile, ci sono e sono pronto a fare la mia parte. Ssenza chiedere nulla in cambio, sono pronto a farlo da tifoso. Poi se qualcuno mi chiama alla Reggina anche solo per lavare scale, io posso andare a lavarle, ma adesso voglio solo sostenerla senza alcun interesse. Non si tratta di fare l’elemosina o di avere pietà, non mi piacciono gli appelli in tal senso e non li faccio. La Reggina è una passione e un business al tempo stesso, le condizioni per un investimento serio e importante ci sono. La Reggina è un grande patrimonio, non possiamo lasciarla sparire. Bisogna stringersi intorno ai colori amaranto, prendersi la Reggina e mettere le basi per farla tornare grande. Anche i calciatori devono farsi un esame di coscienza e venire incontro alle esigenze della società: se si ritrova in queste condizioni, è in parte anche per colpa del loro scarso rendimento, ed è giusto che rinuncino a parte delle proprie spettanze. Poi per il futuro, se ci saranno le risorse per versare il milione e 200.000 euro per chiedere il ripescaggio in B, si chiederà. Se invece ci sono le risorse soltanto per fare una squadra discreta in Lega Pro, si fa una squadra discreta. Altrimenti si prendono i ragazzi del vivaio e si ottiene qualche  prestito dalle big e si fa una squadra per salvarsi, dicendolo chiaramente, senza illudere nessuno, prendendosi un anno di transizione. Poi chi vuole andare allo stadio va, chi no rimane a casa. Di certo adesso bisogna fare di tutto per iscrivere la squadra e tutelarne il patrimonio, non può e non deve fallire. Adesso non ci sono davvero più alibi, lo ripeto, l’era Foti è finita, il Presidente è disposto a regalare la società a costo zero, ovviamente bisogna essere consapevoli della situazione di difficoltà del club ma analizzando anche i suoi crediti, il suo patrimonio e le sue prospettive anche un bambino capirebbe che potrebbe diventare un investimento propizio e che, invece, il fallimento sarebbe un delitto che sgretolerebbe tutte queste basi. No, non possiamo e non dobbiamo permetterlo se amiamo veramente la Reggina e la città di Reggio Calabria“.