Reggina, Foti a StrettoWeb: “gli Allievi in finale sono il nostro orgoglio, quante gioie negli ultimi 20 giorni…”

Reggina, le parole del Presidente Foti dopo la vittoria degli Allievi che hanno raggiunto la finale e venerdì si giocheranno lo scudetto contro il Novara

fotiE’ entusiasta per gli straordinari risultati della spedizione amaranto a Chianciano il Presidente Lillo Foti, che da Reggio Calabria dov’è rimasto negli ultimi 3-4 giorni in attesa di novità di vario tipo, commenta ai microfoni di StrettoWeb la vittoria dei ragazzini del Sant’Agata che oggi pomeriggio hanno travolto la Salernitana 3-1 raggiungendo la finalissima che vale uno scudetto (in programma venerdì 19 alle 19 in diretta su RaiSport2 contro il Novara). “E’ la conferma del lavoro che viene fuori dal Sant’Agata – dichiara Fotidove da ormai oltre due decenni si seminano frutti che danno risultati eccellenti. Un patrimonio straordinario per la Reggina, una società che nonostante le difficoltà degli ultimi anni continua a costruire dei percorsi umani e professionali molto importanti per tanti giovani calabresi“.

reggina allieviAnche Foti, come Laiacona, ricorda molto bene l’altra finale scudetto della storia della Reggina, il 28 giugno 1992 contro il Torino al Vecchio Comunale. Erano le squadre Primavera: “è stato qualcosa di storico che poi non siamo più riusciti a ripetere,  oggi ci fa piacere che con un ulteriore successo la squadra si propone a livello nazionale per dare ancora una volta prova del lavoro del centro sportivo Sant’Agata“.

Di vendicare l’eliminazione subita senza mai perdere nella semifinale contro il Novara nei playoff di serie B 4 anni fa, Foti non vuole proprio sentirne parlare: “adesso non diamo troppe responsabilità a questi ragazzi, non dimentichiamoci che hanno 16-17 anni e che si accingono in questo momento a iniziare un percorso che mi auguro possa rappresentare un domani per loro una strada di grande professionalità. Oggi devono pensare soltanto a divertirsi, a formarsi come uomini e se possono, a centrare l’obiettivo di un titolo italiano che adesso hanno a portata di mano e che si sono meritati di giocarsi fino in fondo“.

Ciò che rende Foti più orgoglioso di ogni altra cosa, sono i continui attestati di apprezzamento nei confronti dell’educazione e del comportamento dei ragazzi della Reggina in ogni manifestazione in giro per l’Italia: “è sempre stato un messaggio che ci ha contraddistinto in tutti i tornei nazionali, e ci è sempre stato riconosciuto. Tutti hanno sempre parlato e parlano della Reggina come una caratteristica di correttezza, educazione e comportamento. Oltre che per l’aspetto tecnico, la Reggina si contraddistingue per questo suo modo di essere ed è ciò che ci rende più fieri del nostro lavoro, che al Sant’Agata è incentrato proprio su questo“.

reggina allieviDopo l’eroica salvezza nel derby-spareggio contro il Messina, Foti manda un messaggio chiaro a chi – troppo spesso negli ultimi anni – ha remato contro il club amaranto: “nel giro di 20 giorni abbiamo scritto tante pagine positive, prima quella salvezza in cui nessuno credeva, ottenuta in modo esaltante nel derby contro il Messina, adesso la finale degli Allievi che ci può regalare uno scudetto, e sto ricevendo moltissimi apprezzamenti. Lo sport è bello per questo: puoi passare dalla sconfitta alla vittoria in breve tempo, se ci metti impegni, dedizione e convinzione a lungo termine i risultati vengono premiati. Dopo un periodo buio, finalmente ci stiamo togliendo tante belle soddisfazioni“.

fotiIntanto sul fronte societario non si registra alcuna novità. Come non abbiamo scritto nelle ultime settimane, non c’è stata alcuna novità degna di nota, degna di articoli. Infatti – a nostro avviso – se non succede qualcosa che abbia anche un minimo di rilevanza, di articoli è inutile farne: si tratta soltanto di poesia. Nell’ultimo aggiornamento del 12 giugno scrivevamo che “le trattative proseguono su più tavoli, a fari spenti“, in quello precedente del 5 giugno “trattativa con gli australiani ancora in stand-by“. Ad oggi – 17 giugno – non c’è altro da aggiungere, la situazione è ferma, interlocutoria, di attesa. Foti domani tornerà a Milano per altri incontri volti a dare – in un modo o nell’altro – un futuro al club in vista delle sempre più vicine scadenze. La soluzione non sembra imminente, si prospetta un’altra settimana di passione. E le trattative proseguiranno a fari spenti, com’è giusto che sia in situazioni cosi delicate. Occhi puntati a Chianciano, c’è uno scudetto da portare in riva allo Stretto.