Reggina, cauto ottimismo per l’iscrizione e anche per il futuro

Reggina, il club impegnato a redigere le pratiche per l’iscrizione mentre resta alto l’interesse nei confronti della società per un futuro in grande. Si lavora su più fronti per una svolta positiva

nuovo stadio regginaSono giorni decisivi per il futuro della Reggina, e senza voler illudere nessuno ci sentiamo nelle condizioni di poter esprimere un cauto ottimismo non solo per l’iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro, ma anche per il futuro. Il Presidente Lillo Foti, in convalescenza dopo i problemi di salute dei giorni scorsi, ha ribadito in più occasioni la volontà di farsi da parte e di lasciare la Reggina a costo zero una volta che si presenteranno potenziali operatori intenzionati a prendere per mano la società per darle un futuro importante. Intanto il club sta lavorando per l’iscrizione in una situazione simile a quella dell’anno scorso, difficile ma probabilmente meno critica di allora.

logoregginaColoro che sperano nel fallimento, più che altro per togliersi una subdola soddisfazione personale figlia di rancori, invidie e gelosie (perché non possono esserci altre motivazioni nel fare il tifo per un fallimento!), sono destinati a rimanere per l’ennesima volta delusi. Ma più che nell’iscrizione, le attenzioni sono concentrate sul futuro del club amaranto: nessuno ha voglia di vivere altre stagioni con l’acqua alla gola, ed è grande l’interesse intorno alla società anche grazie agli importanti traguardi raggiunti nelle ultime settimane, dall’impresa della prima squadra a Messina fino ai successi degli Allievi a Chianciano. La “chiamata” di Mimmo Praticò dalle pagine di StrettoWeb non è rimasta fine a se stessa, in città si sta muovendo qualcosa tra imprenditori e professionisti che hanno a cuore le sorti del calcio a Reggio.

nick scali Reggina (2)Poi c’è Nick Scali. La nostra impressione è che la pista degli “australiani” non sia definitivamente tramontata. L’ha detto lo stesso Scali nell’incontro di martedì: “lascio aperta una porticina, spero di rivedervi presto“. E quel “se ne può riparlare tra una settimana, un mese, un anno” non era un modo di dire. Ricordate le dichiarazioni di Berlusconi, che su Mr. Bee Taechaubol il 9 maggio diceva testualmente: “non vendo il Milan a chi cerca solo popolarità, Sono attento a scoprire le vere intenzioni di chi vuole entrare nell’azionariato“. Dopo meno di un mese, il 5 giugno, lo storico accordo ufficiale con la cessione allo stesso Mr. Bee del 48% della gloriosa società rossonera. Quello che succederà tra la Reggina e Nick Scali, oggi  non si può prevedere ma di certo c’è che l’82enne di San Martino di Taurianova rimarrà in Italia per tutta l’estate e ha espresso grande apprezzamento per le strutture e gli impianti del club amaranto. Dopo l’iscrizione, quindi già nei primi giorni di luglio, se ne potrebbe riparlare.

melbourneE’ bene ribadire che quello di Scali non sarebbe un intervento di rattoppo ne’ un’azione limitata esclusivamente alla Reggina Calcio. Un imprenditore del suo calibro e dalle eccezionali doti umane e disponibilità economiche non ha alcuna intenzione di guardare al futuro tramite il buco della serratura, piuttosto spalanca la porta e si proietta all’orizzonte più lontano. Un investimento massiccio a 360° sulla città, che esalti le risorse del territorio, che metta i giovani nelle condizioni di relazionarsi con una realtà evoluta e sviluppata come quella australiana creando un ponte tra la Calabria e Sydney.

nuovo stadio reggina

Il nuovo avveniristico stadio di proprietà che la Reggina ha già progettato a Catona, in riva allo Stretto, è un grande sogno che Lillo Foti coltiva da anni e che adesso si può realizzare con una programmazione seria e ambiziosa come quella che un uomo di successo come Nick Scali può garantire ad una realtà che sia supportata anche da alcuni operatori del territorio, in uno scenario come quello che si sta delineando in questi giorni intorno alla Reggina. Uno scenario di grande interesse da più parti, ma tutti con lo stesso obiettivo. Per una Reggina che oggi combatte per l’iscrizione e che poi vivrà probabilmente i suoi giorni più importanti dal punto di vista societario; a luglio potrebbe ritrovarsi ad ambire subito alla serie B in un’estate caldissima per il calcio italiano travolto dagli scandali che lasciano l’amaro in bocca non solo per la delinquenza sempre più diffusa, ma anche per la triste coincidenza dell’esplosione di una “bomba” di tali proporzioni in un’estate senza competizioni internazionali. Ci fossero stati i Mondiali adesso, sicuramente li avremmo vinti noi azzurri.