Ragusa: cannabis tra gli ortaggi, un arresto

Il proprietario della piantagione è stato arrestato per il delitto di produzione di sostanze stupefacenti, aggravato dall’ingente quantitativo

CarabinieriUna maxi piantagione di marijuana è stata scoperta dai carabinieri di Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa, all’interno di diverse serre situate in contrada “Finocchiaro” lungo la strada che dal paese porta a Scoglitti. I militari hanno rinvenuto circa 2.000 piante di cannabis indica dell’altezza variabile tra un metro e mezzo e due metri, nascoste fra altre piante di melanzane e pomodori. Il proprietario della piantagione, un 37enne di Vittoria, è stato arrestato e dopo le formalità di rito è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa. La piantagione è stata scovata in un territorio caratterizzato da una eccezionale fertilità dei terreni, dove anche i coltivatori di questa particolare tipologia di colture trovano le condizioni ideali per far crescere rigogliose le piante di cannabis indica. Per l’irrigazione era stato allestito un impianto ad hoc, esteso per svariate centinaia di metri, che consentiva di annaffiare le piante anche la notte, e senza la sua costante presenza. Le piante di marijuana sono state campionate, estirpate, contate e pesate: lo stupefacente, per un peso complessivo di circa 3.000 kg, una volta fatto essiccare ed immesso sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di circa 2 milioni di euro. Si tratta del più ingente sequestro di marijuana mai eseguito nella Provincia di Ragusa.