Politica e Chiesa: un sacerdote del cosentino celebra la vittoria di una lista, scoppia la polemica

La chiesa non dovrebbe schierarsi politicamente eppure a volte lo fa. Lo denuncia sul suo profilo facebook un consigliere comunale, Ermanno Cennamo, ex sindaco facente funzioni e poi lo segue a ruota il Consigliere Carmine Quercia, anch’esso assessore uscente

PreteSpesso è stato un binomio contestato ma applicato, altrettanto spesso è sinonimo di scontri alla Don Camillo e Peppone. A Cetraro, comune del cosentino, torna ad essere un duello. La chiesa non dovrebbe schierarsi politicamente eppure a volte lo fa. Lo denuncia sul suo profilo facebook un consigliere comunale, Ermanno Cennamo, ex sindaco facente funzioni e poi lo segue a ruota il Consigliere Carmine Quercia, anch’esso assessore uscente. Lo fa pubblicando e rendendo noto un avviso della parrocchia. “Don Ennio Stamile, un prete neutrale.” Così Cennamo inizia il post. “Alcuni sostenitori mi hanno inoltrato queste fotografie, è davvero scandaloso che un parroco, nonché coordinatore della Pastorale di Cetraro, si presti ad ospitare dopo la Santa Eucarestia una manifestazione di ringraziamento della lista Nuovo Patto in uno dei posti più significativi della città. Trovo non corretto ospitare nei luoghi sacri iniziative politiche, seppur di ringraziamento per il risultato elettorale ottenuto. Trovo ancor di più scorretto che queste iniziative si tengano sul Monte Serra che tutti conosciamo come luogo di preghiera e silenzio. Ai posteri l’ardua sentenza. Mentre Quercia: “Non si può strumentalizzare il sentimento religioso di tanti cittadini, che si ritrovano coinvolti in mediocri operazioni politiche di facile propaganda. Una maggioranza qualificata non può scendere a questo livello ed i consiglieri avrebbero fatto bene ad organizzare altrove il ringraziamento agli elettori.”