Messina, zecche e parassiti: a Fondo Saccà parte la rivolta

Tutto da copione: i residenti bloccano le strade per gridare allo scandalo

foto tratta dai social-network

foto tratta dai social-network

Quanto la situazione fosse delicata, lo avevamo raccontato ampiamente qualche settimana fa: fra ratti e parassiti, le condizioni di vivibilità di Fondo Saccà sono a dir poco indecorose. Su queste colonne avevamo raccolto lo sfogo di un residente che, in vista della stagione estiva, aveva ricordato ai lettori di Strettoweb come solo le proteste eclatanti avessero smosso in passato le acque, attirando l’attenzione della pubblica autorità. Oggi, puntuale, è partita dal basso la protesta: per oltre un’ora l’incrocio tra via La Farina e San Cosimo è stato bloccato dagli abitanti del quartiere popolare, tanto che si è reso necessario il coinvolgimento dei Carabinieri e degli agenti della Polizia Municipale. E mentre alcuni cittadini rovesciavano sulla politica le responsabilità del degrado, ricordando “le processioni” dei candidati durante la campagna elettorale, altri invocavano l’intervento di MessinAmbiente, convitato di pietra quasi mai pervenuto. Il presidente del consesso civico, Emilia Barrile, ha fatto un sopralluogo con l’assessore Sebastiano Pino. Quest’ultimo, in particolare, ha promesso un celere e tempestivo intervento di bonifica, malagrado la querelle con lo Iacp sulle competenze nell’azione di risanamento.