Messina, la trama della formazione: Anzalone ricostruisce il sistema Genovese

Ieri la deposizione del capo della mobile al processo del Corsi d’Oro

tribunale messinaIl capo della Mobile, Giuseppe Anzalone, ha deposto nella giornata di ieri al processo Corsi d’Oro-bis, spiegando le sue valutazioni sulla galassia Genovese. L’uomo che ha curato meticolosamente gli aspetti investigativi del dossier, sollecitato dal pm Ardita, fra mattina e pomeriggio ha ricostruito gli aspetti più intricati di questa complicata matassa. Anzalone ha così spiegato la fitta tela di rapporti che ha portato alla creazione di una vera rete occulta, con un profilo associativo evidente, come emergerebbe – a suo giudizio – dalle intercettazioni telefoniche. Al centro del “sistema” creato dal parlamentare del Pd figurano i contatti familiari e di partito vicini all’esponente politico, contatti che hanno beneficiato della struttura costituita dal deputato il quale, senza troppe remore, avrebbe impiegato perfino alcuni dipendenti dell’Enfap nella sua segreteria politica.