Messina, tentata rapina a richiedente asilo: arrestato anche il quarto responsabile

I malviventi avevano rubato il borsello al migrante che non ha esitato a denunciarli alle forze di polizia

Antonio Biuso

Antonio Biuso

I poliziotti lo hanno salvato dai rapinatori che una settimana fa avevano tentato di scippargli il borsello. I malviventi lo avevano avvicinato nei pressi della stazione ferroviaria e minacciato con un taglierino per derubarlo dei pochi soldi che possedeva e con i quali stava pagando il biglietto del pullman.

La vittima, un ragazzo nigeriano ospite di un centro di accoglienza per richiedenti asilo, inseguito dai malviventi, non ha esitato a fermare una pattuglia in transito e a chiedere aiuto ai poliziotti che, poco dopo, hanno arrestato tre dei quattro responsabili: Antonio Calabrò, messinese, 33 anni, pregiudicato; Corrado Nastasi, originario di Torino, 43 anni, pregiudicato; Krisztian Koncz, ungherese, 22 anni.

Ieri anche il quarto malvivente, Antonio Biuso, originario di Bronte, 41 anni, è stato sottoposto a fermo di polizia. Il ragazzo nigeriano l’ha riconosciuto nei pressi della mensa della chiesa di Sant’Antonio e, ancora una volta, ha chiesto aiuto alla Polizia.

Gli agenti, effettuati i necessari riscontri, hanno proceduto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, a trasferire il quarto uomo in carcere. Il reato contestato è tentata rapina in concorso. E’ stato altresì denunciato per minacce aggravate e porto di armi ed oggetti atti ad offendere. Quando infatti si è visto riconosciuto, non ha esitato a tirare fuori un coltello che custodiva in vita.