Messina, il Sindaco Accorinti respinge le accuse di Lo Monaco: “ancora deve al Comune 200 mila euro”

Messina, la replica del Sindaco Accorinti alle accuse di Lo Monaco: “respingo tutto al mittente”

accorinti lo monacoAmareggia fortemente tutti gli sportivi messinesi la conclusione della stagione sportiva della squadra della nostra Città, l’ACR Messina, che dopo tanti sacrifici per tornare nei campionati di serie professionistica, dovrebbe di nuovo disputare campionati che certamente non sono all’altezza della tradizione calcistica e della passione del propri sostenitori” Lo afferma, in una nota, il Sindaco di Messina Renato Accorinti, che prosegue: “Nel momento della sconfitta debbono però emergere i valori veri dello sport, trarre gli spunti per ripartire, facendo tesoro degli errori che indubbiamente sono stati commessi. Non si migliora la situazione scaricando responsabilità sugli altri, indicando colpevoli, accusando l’amministrazione comunale, le forze economiche e gli sportivi di non aver sostenuto il progetto. Questo sarebbe assolutamente grave, soprattutto nei confronti dei tantissimi tifosi messinesi che certamente con entusiasmo sono sempre stati accanto la propria squadra, anche nei momenti meno brillanti. Ma è ingeneroso anche verso questa amministrazione che, pur in momenti di grande difficoltà per la cronica mancanza di risorse, ha adempiuto a tutto quello che si è ritenuto necessario, nei tempi previsti, consentendo alla società ed alla sua dirigenza di concentrarsi sulle priorità sportive. Ritengo doveroso, anche per informare i cittadini in maniera puntuale, ricordare che gli interventi effettuati per lo stadio San Filippo (collaudo statico decennale e videosorveglianza i più importanti) hanno comportato per il Comune di Messina una spesa di 117 mila euro, oltre gli importi relativi ai continui interventi manutentivi. È necessario anche informare che a fronte dell’utilizzo negli ultimi anni degli stadi San Filippo e Giovanni Celeste, questo Comune vanta nei confronti della società ACR Messina crediti per 197.060,00 euro, oltre le quote a carico della società per i consumi elettrici (10% come da delibera 752 del 27.08.2012 e 36% come da delibera 932 del 28.11.2013). È pur vero che, come avviene anche per altri impianti ed altre società, sono state presentate fatture documentate da portare in compensazione, ma queste ammontano ad un totale di soli 14.908,20 euro. Tutto questo per ribadire, comunque, che l’attenzione nei confronti della società che rappresenta la squadra della nostra Città è stata massima e si è andato incontro ad ogni richiesta che poteva essere accettata. Voglio segnalare, tra gli altri, il problema del campo per gli allenamenti, risolto con l’utilizzo della struttura del Celeste.In merito poi alle accuse per il ritardo nell’approvazione del comodato d’uso, occorre precisare che nel frattempo all’ACR Messina si è sempre e comunque garantita la possibilità di utilizzare , in uso esclusivo, i due stadi, senza alcuna interruzione. Paradossalmente ciò si è tramutato anche in un vantaggio economico per la società calcistica che in questo lasso di tempo ha risparmiato sulla manutenzione ordinaria e sul 64% dei consumi elettrici che, come noto, in assenza di comodato d’uso rimanevano a carico del Comune. Respingo anche alcune accuse basate su affermazioni false.Nessun progetto è mai stato consegnato ai nostri uffici per la realizzazione di nuovi impianti sportivi, nessuna richiesta è mai stata avanzata, per quanto possiamo sapere, al Consiglio comunale per concessioni pluriennali.Le pretestuose accuse circa la concessione ad una società dello stadio San Filippo per l’organizzazione di due eventi musicali nel prossimo mese di luglio necessitano di una doverosa, ulteriore precisazione: invece che pagare, come avveniva in passato, il Comune di Messina, quindi i messinesi, incasseranno cinquantamila euro dall’organizzazione di questi concerti; in tutte le Città del mondo, chiedete alle migliaia di ragazzi che li frequentano, gli stadi non solo d’estate vengono utilizzati con questi fini e nessuno si lamenta , anzi. Evitando di commentare gratuite ed offensive affermazioni rivolte al Sindaco e ad altre Autorità – conclude Accorintiriteniamo che la passione dei tantissimi sportivi nei confronti dell’Acr Messina resterà certamente immutata e questa amministrazione sosterrà, nei limiti di ciò che è consentito, chiunque abbia interesse a rinnovare i successi che i colori giallorossi hanno ottenuto nella propria gloriosa storia“.