Messina, ristorazione al Policlinico: sindacati in agitazione

Le rappresentanze denunciano il nuovo bando: non garantisce i livelli occupazionali

policlinico-messina1La pubblicazione del nuovo bando di gara per l’appalto della ristorazione presso il policlinico G. Martino non piace alle organizzazioni sindacali. “Non garantisce   la salvaguardia dei livelli occupazionali e reddituali”: così Ugl, Cgil, Cisl e Uil hanno bocciato il nuovo appalto in programma in considerazione della conformazione strutturale della cittadella sanitaria, che si estende con padiglioni su 330000 mq.  e non a corpo unico come altri nosocomi. Questo dato moltiplica in modo esponenziale le difficoltà nell’espletare il sevizio di consegna del pasto alla degenza. Al momento i turni di lavoro sono stati ridotti del 50% a discapito del reddito degli addetti. Oggi con il nuovo appalto si punta sulla riattivazione della cucina negli spazi interni come in passato, ma non si aumenta il monte ore che rimane costantemente ridotto, cosa ritenuta incompatibile con il l’espletamento di un servizio congruo agli standard richiesti. I sindacati per tali motivi proclamano lo stato di agitazione, chiedendo al contempo un urgente incontro con la direzione generale del nosocomio messinese.