Messina, pericolo cinghiali nei villaggi: hanno la tubercolosi?

Le frequenti incursioni nelle realtà periferiche hanno spaventato la cittadinanza e costituiscono una minaccia che è doveroso affrontare

CINGHIALEUna nota congiunta dei consiglieri comunali Piero Adamo e Francesco Pagano, firmata anche dalla rappresentante della VI Circoscrizione Giusi Feminò e da Lorena Fulco del comitato “Rinascita di San Michele”, è stata stamane indirizzata all’Amministrazione cittadina affinché sia istituito un tavolo tecnico per la presenza massiccia di cinghiali sui Peloritani. Questi, evidenziano i firmatari, creano minacce alla pubblica e privata incolumità, stante le incursioni nei villaggi di Salice, Castanea, Gesso, Masse e San Michele. Ad aggravare la situazione vi è la notizia, diffusa nella cittadinanza e mai smentita dalle Autorità sanitarie, che i mammiferi sarebbero affetti da tubercolosi e pertanto ancora più insidiosi in caso di contatto umano. Da qui la richiesta di provvedimenti straordinari, con un appello al Prefetto affinché siano poste in essere misure che tutelino non soltanto la cittadinanza, ma anche gli automobilisti e gli agricoltori.