Messina, i giocattoli in pediatria: l’iniziativa solidale del Leo Club

La generosa donazione al Policlinico avverrà martedì prossimo

policlinico-messina1Giocattoli e articoli ludico-didattici per allietare le giornate dei bimbi in ospedale. È la nuova, generosa, donazione che il Distretto LEO, 108 YB-Sicilia, farà martedì 9 giugno, alle 12, al reparto di genetica e immunologia pediatrica dell’AOU G. Martino. È il culmine di un progetto promosso da tutti i Leo d’Italia chiamato “Leo4Children” o T.O.N.

Il fine che questa iniziativa di carattere nazionale persegue è sostenere i bambini in un momento di criticità, contribuendo a migliorare la loro qualità di vita durante il periodo di permanenza ospedaliera. Una donazione resa possibile grazie alla past presidente del Leo Club Messina Peloro, Gabriella Graffeo e della dott.ssa Giulia Graffeo che hanno curato e gestito i rapporti con la struttura ospedaliera.

L’obiettivo è far conoscere alla comunità ed alle famiglie le esigenze e le problematiche del bambino ospedalizzato. Il KIT-LEO che viene donato è personalizzato in base alle specifiche esigenze del reparto di pediatria di riferimento e consente di allestire e migliorare le sale ricreative dei reparti di pediatria delle strutture ospedaliere presenti sul territorio italiano. La permanenza in ospedale può essere più leggera se vissuta in un ambiente caldo e confortevole.

All’incontro di martedì saranno presenti insieme al direttore dell’uoc prof. Carmelo Salpietro, i rappresentanti del Leo Club:  il Presidente del Distretto LEO 108 YB-Sicilia Francesca Dugo,il delegato T.O.N. “Leo4Children” per il Distretto LEO 108 YB-Sicilia Francesco Russotto,il Past Presidente del Leo Club Messina Peloro Gabriella Graffeo,il Presidente del Leo Club Messina Peloro per l’A.S. 2014/15, il delegato T.O.N. per la prima area operativa Sonia Soraci, Ennio Miloro, i ragazzi del Leo Club Messina Peloro, i soci del Lions Club Messina Peloro.

I Leo Club sono l’Associazione giovanile del Lions Club International e raggruppano ragazzi tra i 12 e i 30 anni che dedicano il proprio tempo libero all’attività di servizio per la comunità. Oggi in Italia costituiscono una realtà di quasi 5.000 ragazzi, capaci di mettersi a disposizione per fornire un contributo fattivo a sostegno delle realtà più fragili nella nostra società, cercando di condividere ideali di amicizia, generosità e solidarietà.